Home / Ripple aggiunge i NFT alla sua rete | Sono già disponibili in Beta

NFT BETA

Ripple aggiunge i NFT alla sua rete | Sono già disponibili in Beta

Anche il ledger di Ripple supporterà i NFT. Dagli sviluppatori del protocollo arriva infatti l’annuncio del supporto, già disponibile per tutti, dell’estensione che porterà appunto i token non fungibili anche su XRPL.

Un’ottima notizia per un protocollo che nonostante la causa legale che prosegue con SEC continua a conquistare mercati e comparti, e anche importanti partnership su scala globale.

Ripple NFT - beta già attiva
Ripple avrà i suoi NFT – beta già disponibile

Un buon momento per fare il proprio ingresso su Ripple? Chi volesse farlo può trovare questa criptovaluta presso la piattaforma sicura eToro – vai qui per richiedere un conto virtuale gratuito ricco di esclusive funzionalità BONUS – intermediario che include praticamente da sempre $XRP e che non lo ha mai delistato, neanche in relazione alla causa legale contro SEC.

Da questo intermediario possiamo anche trovare strumenti avanzati fintech come il CopyTrader, che consente la copia dei migliori trader nonché la possibilità di spiare i loro portafogli. Possiamo inoltre accedere al mondo degli Smart Portofolios – che ci offrono in un solo paniere in stile indice le migliori cripto del momento. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Ripple aggiunge i NFT: ecco come funzionerà

La notizia è di quelle importanti, per un percorso che giunge a termine dopo essere iniziato già lo scorso maggio. Ripple ha finalmente introdotto sulla sua XRPL supporto per i NFT, i token non fungibili che sono stati uno dei temi caldi del 2021 e che con ogni probabilità lo saranno anche per il 2022.

L’annuncio arriva tramite il blog ufficiale degli sviluppatori del progetto, con una devnet che è già disponibile per chi volesse testarla in una sorta di fase beta, anche al fine di evidenziare eventuali bug ed eventuali malfunzionamenti.

Un sistema che però, almeno a nostro avviso, non avrà grande fortuna per l’arte e il collezionismo, ma conoscendo le propensioni di Ripple in quanto tale, probabilmente per la tokenizzazione degli asset finanziari e dei contratti. Cosa che, dato il reach che questo progetto ha tra la banche, potrebbe essere di estremo interesse tanto per i mercati finanziari quanto per gli investitori in questo specifico progetto.

Gli sviluppatori, durante la beta, avranno comunque accesso a tutte le funzionalità che riguardano questa specifica funzionalità aggiunta alla rete di Ripple, così da poter implementare, nel caso, anche App decentralizzate che vi facciano ricorso.

I NFT sulla cresta dell’onda anche per il 2022

NFT, piaccia o meno, saranno sulla cresta dell’onda anche per il 2022, dato che si intersecano con i settori più interessanti per i mercati. Dalla finanza decentralizzata passando poi per il gaming su blockchain e anche attraverso il mondo dei Metaverse.

L’arrivo di Ripple, che a molti sembrerà tardivo, contribuirà a riaccendere il fuoco di questo comparto, in particolare – lo ripetiamo – per le importanti partnership commerciali che il gruppo può vantare con alcune delle banche più importanti del mondo.

Ancora una volta chi pensava che i NFT sarebbero stati una meteora, una sorta di hype ingiustificato sul mercato, sarà costretto a ricredersi. Così come sarà costretto a ricredersi chi aveva già celebrato il funerale di Ripple.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *