Home / Terra Luna e Anchor: caos sulla sostenibilità | La nostra analisi su UST

Stabilità Terra Luna

Terra Luna e Anchor: caos sulla sostenibilità | La nostra analisi su UST

Non sarebbe il mondo delle criptovalute che conosciamosenza le solite polemiche, fondate o meno. Polemiche così incessanti che hanno finito per far perdere la pazienza anche a Do Kwon, che forse non ha vissuto le 48 ore più brillanti della sua vita su Twitter.

Polemiche in larga parte non fondate sui recenti acquisti di Luna Foundation Guard, alle quali però sarebbe forse il caso di rispondere in modo educato e tranquillo, se quello che abbiamo a cuore è che sempre più persone abbiano contezza di quanto sta avvenendo in ambito Luna.

Terra Luna - stabilità - analisi di Criptovaluta.it
Qualche dato sulla sostenibilità di Terra Luna

Tutto questo mentre un serio concorrente sembrerebbe essersi affacciato sul mercato. I rumors che vorrebbero un nuovo stablecoin su Near hanno colpito le quotazioni di $LUNA, per una situazione di mercato piuttosto complessa ma adatta per le operazioni anche di breve. Possiamo farle con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE DI PROVA ILLIMITATO – intermediario che ci offre tanto $NEAR quanto $LUNA insieme a 465+ criptovalute a listino.

Abbiamo all’interno di questo intermediario strumenti quali MetaTrader 4 e TradingView per analizzare il mercato e gestire le nostre operazioni. E possiamo passare al conto reale con soli 20 euro.

Polemiche a non finire su Twitter e altrove: Terra Luna è davvero non sostenibile?

In realtà si tratta di una situazione che si è configurata tempo fa e che per altri motivi è esplosa soltanto di recente sui principali social dove si discute di progetti cripto. La questione è sempre la stessa: il prezzo di $LUNA è legato alla domanda di $UST, che è lo stablecoin algoritmico del gruppo.

Al tempo stesso la domanda di $UST è alimentata dagli importanti rendimenti sempre su $UST che sono offerti su Anchor Protocol. Per chi non conoscesse questa piattaforma, viene offerto un rendimento su stablecoin di Terra Luna al ~19,5%, cosa che ha attirato enormi quantità di capitali traghettando in alto il prezzo di $LUNA. Con queste premesse possiamo affrontare con maggiore ragionevolezza quanto è avvenuto nelle ultime ore.

Qualche coordinata per capire prima di decidere

Se ne parla ormai da mesi e, ad onor del vero, la situazione dovrebbe essere chiara a chi sa leggere tra le righe e ha un minimo di conoscenza non solo di come funzionano Anchor e Luna, ma anche di quali sono gli incentivi che stanno spingendo la domanda di UST. Con un vero o falso potremo definire i problemi più importanti della sostenibilità di Luna.

  • La domanda di $UST arriva principalmente dal “sussidio” tramite Anchor: VERO

Tutti i dati puntano in questo senso. Sebbene i wallet stiano crescendo, la domanda di $UST arriva tutta o quasi da Anchor. Ed è spinta dagli incredibili rendimenti offerti su quello che è, appunto, uno stablecoin. Il tasso che viene offerto non è in alcun modo giustificato dai rendimenti che il protocollo ottiene tramite gli asset che vengono offerti come collaterale.

  • I $LUNA che vengono burnati sono in realtà in un portafoglio di Do Kwon: FALSO

È una polemica piuttosto vecchia. Non è così, ed è un peccato che parte delle polemiche su Terra Luna e la sua sostenibilità si basi su un’informazione de facto falsa. Può non piacere il progetto, le preoccupazioni sulla sostenibilità di lungo periodo sono più che fondate (e meritano di essere discusse), ma quanto detto sopra è falso.

  • La sostenibilità è un problema: parzialmente VERO

Qui bisogna scegliere uno dei due lati della polemica, senza avere la certezza di chi avrà ragione in futuro. I tassi offerti da Anchor oggi sono la fonte principale di domanda per UST. Questi tassi sono insostenibili e porteranno di nuovo a consumarne le riserve. Dall’altro canto Do Kwon afferma che questo sia parte del piano: i forti sussidi alla domanda di $UST, pagati con denaro sonante e gratuito per chi lo riceve sono parte del progetto di crescita.

Non è sostenibile sic stantibus rebus? Vero. Ma è altrettanto vero che la speranza del protocollo è di conquistare ampi spazi di mercato innescando così una domanda più autentica, abbandonando un meccanismo di auto-incentivi che Do Kwon stesso ha ammesso di essere non sostenibile nonché il motivo principale del fallimento di altri progetti di stablecoin algoritmici.

  • Un bank run è possibile: VERO

C’è una singularity che potrebbe causare un bank run a catena e rendere molto difficile mantenere il peg. Immaginiamo una situazione di bear market prolungato, innescato da paura in larga parte irrazionali di mercato. No, non è qualcosa di assurdo ed è in larga parte quanto avvenuto lo scorso maggio.

Un risk off importante del mercato potrebbe portare ad un calo del prezzo di $LUNA, portando conseguentemente coloro che hanno paura di un depeg di $LUNA a liberarsi dei propri $UST, causando ulteriore pressione su $LUNA. Un ciclo che sarebbe molto difficile interrompere, se non con un intervento esterno. A parziale discolpa del design del sistema c’è da dire che l’enorme onda d’urto del maggio 2021 è stata superata senza troppi patemi.

E che oggi c’è un’importante riserva in Bitcoin e Avalanche nata proprio per affrontare questo tipo di situazioni. Funzionerà? Dovrebbe, ma è impensabile pensare che non ci sia rischio in caso di condizioni molto particolari di mercato che sono prolungati.

  • Aiutare uno stablecoin con riserve fatta di asset volatili è assurdo: dipende

Ricordiamo enormi polemiche (ma anche queste giustificate soltanto in parte) sulle riserve di Tether, che funziona in modo radicalmente diverso da Terra Luna, essendo uno stablecoin centralizzato con riserve effettive. Le polemiche riguardavano una certa percentuale di riserve di Tether tenute in commercial paper, titoli non stabili quanto, ad esempio, i bond US Treasury e quindi motivo di preoccupazione.

Se questi sono i margini del discorso, Bitcoin ed Avalanche devono essere considerati come asset più rischiosi. È un problema? Fino ad un certo punto: l’ecosistema di Terra Luna e il suo funzionamento algoritmico sono nati per funzionare anche senza ulteriori protezioni. E la creazione di una riserva importante in $BTC e $AVAX è da considerarsi come un di più.

Bisogna davvero temere per il futuro di Terra Luna?

Prendiamo posizione qui, con gli elementi che abbiamo a disposizione oggi. Anchor è finanziariamente insostenibile, ma non è detto che un regime di normalità per quanto riguarda i tassi (nel caso in cui le riserve non dovessero essere rimpinguate) porti alla catastrofe per il protocollo.

Depositi contro prestiti su Anchor

Altro punto interessante sul quale invitiamo tutti a ragionare è che quando vi è stata necessità si è intervenuto a rimpinguarle: non è un sistema che può andare avanti in eterno e che dovrà limitarsi a cercare di fare da “ponte” verso una maggiore domanda di $UST anche da sistemi alternativi. È questa la grande scommessa del protocollo.

Chi acquista oggi $LUNA o investe comunque sull’ecosistema sta, e non nascondiamoci dietro un dito, puntando sulla capacità di Do Kwon di continuare a sostenere il sistema con scelte ardite (e dunque rischiose), ma che fino ad oggi si sono rivelate relativamente corrette. Le performance passate non sono mai conferma di performance futura, ma il curriculum di Do, per quanto antipatico possa risultare a molti, per ora parla chiaro. È il top per la decentralizzazione?

No. Ma chi vuole una decentralizzazione effettiva nelle sue scelte monetarie può oggi guardare forse soltanto a Bitcoin. Ognuno, come sempre, faccia la propria scelta. E sul fatto che gli stablecoin decentralizzati con un funzionamento del genere siano radicalmente più “DeFi” di quelli “centralizzati” come Tether e USDC forse è il caso di sospendere il giudizio ancora per un po’.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

2 commenti

  1. Leggo di sostenibilità. Leggo di rendita con ancoraggio o blocco.
    Non sono certo un influencer crypto (ne vorrei esserlo) ma chiedo a chi ha redatto questo articolo, direi equilibrato, di spendere 5 minuti, non di più, per documentarsi alla fonte sul protocollo sperax, un binomio governance/stablecoin che ha dietro le più fervide menti di terra/luna. Ma caratteristiche di sostenibilità molto più alte.
    Grazie. sperax.io è il portale ufficiale.

    • Ciao Maurizio, grazie per la segnalazione, un tantinello pubblicitaria, ma ci può anche stare in taluni casi.

      Se lo riterremo opportuno approfondiremo senz ‘ altro.

      Grazie ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *