Home / ApeCoin rimane su Ethereum! | La DAO vota contro la migrazione di $APE

DAO APE CONTRO

ApeCoin rimane su Ethereum! | La DAO vota contro la migrazione di $APE

ApeCoin rimarrà su Ethereum, almeno per ora. È questo quanto è emerso dal voto interno alla DAO, che respinge così quello che era stato il suggerimento diretto di Yuga Labs.

Suggerimento che era arrivato in seguito al problema che ha visto coinvolta la creazione degli Otherdeed, gli appezzamenti di terreno virtuale all’interno di Otherside, il metaverse legato a BAYC e dunque anche al token $APE.

Una decisione che rinforza Ethereum e che evita complicate procedure di migrazione a $APE. Possiamo investire su entrambi con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con 100.000$ di CAPITALE VIRTUALE – intermediario che offre nel suo listino 72+ cripto sulle quali possiamo investire con strumenti di trading avanzati.

Abbiamo infatti il CopyTrader, sistema di trading automatico unico nel suo genere, perché consente di andare a copiare i migliori oppure anche di spiare come stanno investendo. Abbiamo in aggiunta strumenti come gli Smart Portfolios per chi dovesse invece preferire un approccio più diversificato. Con 50$ possiamo passare al conto reale.

La DAO ha parlato: $APE rimane su Ethereum, almeno per ora

La DAO si è espressa e gli utenti e detentori di $APE hanno votato affinché il token e l’intero ecosistema rimangano, almeno per adesso, su Ethereum – nonostante le indicazioni di quello che possiamo chiamare il gruppo dirigente dell’ecosistema fossero in realtà a favore del trasferimento.

DAO a favore di Ethereum
La DAO si è espressa

A nulla è falso pertanto il corteggiamento di Avalanche, al quale ne erano seguiti poi degli altri, dato che il progetto, ricco e popolare, non poteva che attirare le attenzioni di diverse chain e layer. Niente di fatto per ora, per un voto che però è stato sul filo del rasoio e che è stato deciso, in ultimo, da chi ha votato con 1,2 milioni di token spostando di nuovo gli equilibri.

Non un’ottima pubblicità per la decentralizzazione della DAO, sulla quale però si avevano già dubbi. Dubbi che dovremo accantonare per un po’ però, perché è più che ragionevole che la partecipazione sia poco distribuita per un protocollo e un token che sono nati da poco.

Quale futuro per Otherside, BAYC e $APE?

Dopo questa votazione viene da chiedersi quale sarà il futuro per $APE, così quale sarà il futuro di Otherside, il metaverse dedicato a questo ecosistema e che è uno dei più attesi per il 2022. In assenza di operazioni di minting di grande spessore si potrà forse fare a meno di un trasferimento via da Ethereum, con il network che tra le altre cose potrebbe offrire un po’ di sollievo ai progetti che ospita con il prossimo passaggio a PoS, passaggio per il quale ieri c’è stato un importante passo in avanti.

Rimane il fatto che anche davanti alla convenienza secca di Avalanche e anche di Immutable X, i detentori di $APE hanno preferito votare contro la migrazione, segnalando al tempo stesso come in realtà Ethereum sia ancora ritenuta la più affidabile per questo tipo di sistemi e di operazioni.

Staremo a vedere se altre chain torneranno alla carica, dato che la questione potrebbe non essere finita qui: un progetto ricco come BAYC continuerà ad essere attrattivo per tutte quelle chain a caccia di pubblicità e che vogliono portarsi in casa i progetti più di successo del mondo cripto e NFT.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *