Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Tutto sui token degli exchange | Analisi di $BNB, $CRO, $WRX e $HT

Token cripto exchange

Tutto sui token degli exchange | Analisi di $BNB, $CRO, $WRX e $HT

Non sono più soltanto un diversivo. I token legati al proprio exchange sono oggi una forza con la quale tutti gli investitori e gli appassionati di criptovalute devono fare assolutamente i conti. Non solo $BNB, che è ormai da tempo la terza criptovaluta per capitalizzazione di mercato.

Ci sono anche tanti altri progetti emergenti, come Crypto.com Coin $CROHuobi e WazirX $WRX. Faremo un parallelo, analizzando tratti comuni, punti di forza e di debolezza di ciascuno di questi protocolli, in un prontuario che sarà utile sia a chi sta pensando di investire in questi token, sia per chi ci ha già investito.

Exchange Token - a cosa servono e come investire - di Criptovaluta.it
Non solo BNB – analisi del mondo token intorno agli exchange

Nel caso di Binance Coin possiamo muoverci anche su eToro – vai qui per un conto virtuale gratuito con tutte le funzionalità – intermediario che lo offre ormai da mesi e tramite il quale possiamo accedere anche a servizi esclusivi quali il CopyTrader – per copiare i migliori oggi presenti sul mercato, oppure con i CopyPortfolios per ottenere accesso ad un solo titolo che replica tutti i migliori cripto-asset. Bastano 50$ per passare ad un conto reale.

Token degli exchange: le caratteristiche comuni

I token che andremo ad analizzare in questo mini-approfondimento sono quattro: l’ormai celebre e ben capitalizzato Binance Coin, passando poi a $CRO dell’exchange di Crypto.com, insieme a Huobi e WazirX. Sono realtà in alcuni aspetti simili – e in altre invece piuttosto singolari.

CRIPTOVALUTAAREA GEOGRAFICABLOCKCHAIN PROPRIASERVIZI COLLEGATI
Binance Coin $BNB🌎
Crypto.com Coin $CRO🌎
Huobi Token $HT🇨🇳
WazirX $WRX🇮🇳🚫
Il riassunto tabellare dei principali token
  • Realtà geografica

Dato che parliamo di exchange, uno dei primi aspetti che ci deve interessare è la realtà geografica. Parliamo infatti di società che operano all’interno di determinate giurisdizioni, dove le criptovalute potrebbero essere più o meno bene accette. Il caso è diventato emblematico con la più geograficamente concentrata delle quattro, ovvero $WRX, che pur essendo sotto l’ala di Binance, opera in India, paese dove i dietrofront e i passi avanti si alternano senza soluzione di continuità.

  • Servizi in cui è coinvolto il token

Gli exchange hanno nei loro token un’occasione ghiotta per creare anche programmi fedeltà per i clienti. Tutti o quasi offrono la possibilità di ottenere sconti per il pagamento delle commissioni, altri sono legati anche a programmi di reward – basti pensare al recente Mission di Crypto.com. Nel complesso i token degli exchange hanno sempre una qualche utilità anche per chi li utilizza direttamente.

  • Legati a quanto offrono gli exchange stessi

Un altro punto fondamentale quando analizziamo un token da exchange è il legame indissolubile con le sorti dell’exchange stesso. Cosa ne sarebbe di $CRO senza Crypto.com? Lo stesso possiamo dire degli altri. Quando decidiamo di investire su un token di questo tipo, stiamo sempre puntando anche sul successo futuro della società che gestisce l’exchange.

  • Servizi blockchain

È il caso di BSC ovvero della Binance Smart Chain di Binance, così come della neonata Cronos di Crypto.com. Gli exchange, almeno quelli di un certo tipo, si stanno trasformando in una sorta di hub per il mondo blockchain, spesso sostenendo anche progetti nel campo NFT. Sono altre questioni che vanno analizzate prima di prendere posizione in questo settore.

I quattro miglioni token da exchange e intermediazione

Lasceremo fuori dalla nostra discussione, per motivi che saranno evidenti nel corso di questa specifica guida, i token come $FTX, che pure è un servizio molto interessante – e ci concentreremo su quelli che sono legati ad exchange effettivi e non solo a piattaforme di futures o derivati.

  • Binance Coin

In questo caso ha fatto scuola. Ha raggiunto una capitalizzazione di mercato molto elevata (è la terza al mondo nel complesso) e continua ad essere molto ricercata dagli investitori. Chi vuole investire in $BNB deve tenere conto delle possibili espansioni di Binance come exchange, ma anche della BSC, la blockchain PoS altamente scalabile che fa capo allo stesso gruppo di società. Quando puntiamo su $BNB stiamo inoltre partecipando ad un token che si è già dimostrato molto solido in passato – e che viene burnato ad interventi regolari.

  • $CRO di Crypto.com

È forse il token che ha il maggior livello di applicazione all’interno del proprio exchange di riferimento. Possiamo infatti utilizzare $CRO per fare staking, per ottenere ricompense più elevate dallo staking su altre criptovalute, per partecipare al programma Supercharger e anche lo riceviamo anche come ricompensa per le Mission. Nel complesso ogni attività che possiamo fare su Crypto.com è regolata da $CRO e ne aumenta la domanda. Questo, a patto di mantenere una gestione anche in futuro, è un grandissimo segnale per quanto riguarda la potenziale crescita di $CRO. Crescita alla quale possiamo partecipare partendo con un conto gratuito e con 25$ di bonus offerto da Crypto.com – bonus che viene appunto versato in $CRO.

  • Huobi Token $HT

È forse quello meno conosciuto in Italia e in Europa, anche se fa capo ad un exchange di rilevanti dimensioni. Il punto che viene provato da Huobi Token è proprio quel fattore geografico di cui abbiamo parlato poco sopra. Problemi in Cina, che era uno dei mercati di riferimento del progetto – e la mancanza di alternative almeno sul breve sui principali mercati, hanno causato una correzione del prezzo importante. E qui chi vuole investire punta sul fatto che l’exchange possa tornare ai fasti di una volta. Interessante anche il fatto che venga utilizzato come token di governance per il programma HADAX, l’exchange parallelo e autonomo di questo exchange.

  • WazirX $WRX

Anche questo token è di quelli molto lontani dal suo momento di picco e che ha subito una contrazione di prezzo proprio per problematiche di carattere geografico. Il token inoltre gira sulla blockchain di Binance (vai qui per ottenere un conto gratuito) ed è questo stesso exchange ad offrire accesso più comodo per chi investe dall’Europa. La situazione in India, sebbene molto confusa, è molto più interessante e aperta ad evoluzioni positive. Motivo per il quale i prezzi accessibili di adesso potrebbero essere interessanti per chi vuole entrare adesso sul mercato.

Conviene investire su questo tipo di token?

Dipende dalle nostre attitudini. Il nostro consiglio è di tenerne presente almeno uno per la diversificazione del portafoglio, con $BNB e $CRO che rivestono il ruolo dei porti più sicuri. Gli exchange, per quanto molto si stia muovendo sugli AMM sono in fase di crescita e continueranno ad esserlo anche per il futuro di medio e lungo periodo.

Comprare token che sono una sorta di azione degli stessi può essere remunerativo e interessante. In particolare quando la correlazione con Bitcoin di questo tipo di asset si ridurrà.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *