Home / Ethereum: Guida completa ad Eth coin / Ethereum: come funziona ?

Ethereum: come funziona ?

Negli ultimi anni si è sentito molto parlare delle criptovalute. Ethereum è una di esse ed è una delle più famose, data l’elevata capitalizzazione.

È nata nel 2013 da Vitalik Buterin, un programmatore russo ed ha subito avuto un enorme successo. In molti sostengono che Ethereum sia una grande rivoluzione. È stato sviluppato per garantire una nuova piattaforma e un linguaggio script più comune. Il software consente ai clienti di eseguire un qualsiasi programma, rendendo la block chain di Ethereum e le applicazioni più efficienti rispetto al passato. Molti economisti hanno previsto che il suo valore possa superare quello di Bitcoin. Ora andremo ad analizzare meglio questa moneta digitale.

Ethereum: funzionamento

Ethereum non è soltanto una criptovaluta, ma anche una piattaforma decentralizzata nella quale si possono utilizzare gli smart contracts, generati tramite linguaggio di programmazione. Questi contratti si concludono in maniera automatica e stanno trovando diverse applicazioni.

ethereum come funziona
La rete Ethereum permette la creazione e la diffusione di smart contract.

La piattaforma decentralizzata in questione non subisce il controllo di alcun istituto centrale o banca. La tecnologia di base è la block chain, protocollo utilizzato per costruire un database distribuito che non risiede su un unico server. Tramite essa, le operazioni con i contratti intelligenti vengono eseguite esattamente come sono state programmate, evitando così frodi o interferenze da parte di terzi.

Ethereum permette anche di effettuare pagamenti, senza alcuna autorità centrale che ne eserciti controllo. Nonostante ciò, i meccanismi automatizzati assicurano una grande sicurezza perché una volta avviati i processi programmati, nessuno può fermarli o modificarli.

Ethereum vs Bitcoin

bitcoin ethereum
Nonostante siano molto simili, Bitcoin ed Ethereum hanno differenze sostanziali.

Le valute decentralizzate permettono alla gente di inviare denaro in modo istantaneo a chiunque nel mondo, con il pagamento di una minuscola commissione.

A differenza di Bitcoin, Ethereum non è progettato per funzionare come una valuta digitale globale. Ethereum è una piattaforma creata specificamente per aiutare le persone a sviluppare applicazioni decentralizzate, che possono essere utilizzate in una moltitudine di settori, come l’assicurativo e l’immobiliare.

Sia Bitcoin che Ethereum utilizzano la stessa tecnologia, ovvero la block chain. Quella di Ethereum è però stata progettata per essere completamente programmabile ed è economicamente più efficiente di quella di Bitcoin. Questi sono requisiti fondamentali per la convenienza di lungo termine di una block chain molto trafficata. È anche più scalabile, poiché non è focalizzata sulla realizzazione di transazioni finanziarie. Lo scopo della block chain di Ethereum è quindi diverso da quello di Bitcoin.

Tecnicamente in Ethereum non ci sono limiti alla dimensione di un blocco e il sistema si aggiusta in maniera dinamica nel suo insieme. Inoltre Ethereum continua a lavorare per migliorare gli aspetti pertinenti alla scalabilità e ciò avrà il beneficio diretto di abbassare i costi di transazione complessivi.

Bitcoin permette agli utenti di fare uso di un sistema peer-to-peer per trasferire i fondi. Ethereum invece permette agli utenti di eseguire il codice sorgente per ogni applicazione decentralizzata insieme ad altre features per il trading usando la sua valuta, l’Ether.

Ethereum ha molti più vantaggi rispetto a Bitcoin, come i suoi smart contracts e la cosiddetta Ethereum Virtual Machine.

L’Ethereum Virtual Machine (EVM) è di fondamentale importanza, poiché fornisce l’ambiente ideale per eseguire il codice delle applicazioni decentralizzate.

Come acquistare Ethereum

ether ethereum
Il token utilizzabile all’interno della rete Ethereum viene denominato Ether.

Con Ether è possibile fare mining, proprio come con tutte le altre criptovalute. Basta usare un Exchange per acquistare la criptovaluta. A questo punto sarà possibile creare un proprio wallet e cominciare ad utilizzarli per fare acquisti o investimenti.

Il modo migliore per guadagnare tramite Ethereum è sicuramente il trading online. Bisogna però dire che le monete digitali sono strumenti molto volatili.

Per questo motivo occorre stare attenti a quando prendere e lasciare la posizione. Inoltre si raccomanda sempre di fare trading con broker affidabili, che rispondano ad una serie di caratteristiche.

La prima è quella di vantare una licenza CONSOB, massima autorità italiana preposta alla vigilanza sui mercati finanziari. Essa rilascia licenze per operare nel nostro Paese a quei broker che rispecchiano determinate caratteristiche di trasparenza in favore dei clienti.

In più un broker deve offrire un conto demo per permettere al trader alle prime armi di fare pratica senza rischiare soldi veri. Non deve inoltre prevedere commissioni e deve avere spread convenienti.

Deve offrire una formazione continua e un servizio di assistenza clienti. I grafici devono essere chiari e le informazioni sulle principali notizie della giornata borsistica devono essere aggiornate.

Detto ciò non è conveniente acquistare la criptomoneta, poiché i guadagni arriverebbero solo se il suo valore aumentasse e in più diventerebbero reali solo qualora si decidesse di vendere. Risulta essere più conveniente sfruttare i CFD, ovvero i contratti per differenza.

Un CFD è uno strumento finanziario che traccia l’andamento del mercato replicando il suo prezzo in tempo reale.

Attraverso i CFD si può scommettere al rialzo o al ribasso, avendo così un guadagno sia quando il valore sale e sia quando scende. In più sono regolamentati e di facile utilizzo.

Ethereum: Rischi

Investendo nelle monete digitali si può incorrere in alcuni rischi. È importante conoscerli per poterli gestire al meglio e per poter scegliere la strategia di investimento più adatta alle proprie esigenze.

rischi ethereum
Investendo in qualsiasi criptovaluta sussistono numerosi rischi. Con un’adeguata strategia si possono però ridurre.

Un grande pericolo è dato dagli Exchange. Molti di essi celano delle vere e proprie truffe e raggiri. In passato molti clienti hanno perso tutto il proprio denaro a causa della chiusura improvvisa di alcuni di essi. Gli Exchange sono anche oggetto di attacchi da parte di hacker. Il consiglio è per cui quello di conservare le proprie criptomonete in un portafoglio fisico apposito, non connesso ad Internet.

Uno dei grandi rischi è la possibilità di incorrere in siti truffa. Essi utilizzano il nome di Ethereum per i loro scopi, sfruttandone così il successo.

Uno di questi è The Ethereum Code. Si tratta ovviamente di una truffa, che sfrutta il nome di Ether per convincere le persone a investire. Il problema è che questo sistema promette profitti elevati e sicuri senza fare nulla e questo è impossibile.

Inutile dire che coloro che hanno provato ad utilizzarlo, non solo non hanno guadagnato nulla, ma hanno anche perso tutto quello che hanno depositato. Bisogna anche stare in guardia dai forum, che spesso diffondono informazioni false o comunque fuorvianti.  La maggior parte delle truffe usano proprio i forum per farsi pubblicità.

Un altro rischio è la volatilità delle criptovalute e perciò il loro valore può subire forti oscillazioni. Per questo motivo si sconsiglia di usarle come moneta di pagamento. Bisogna però ricordare che la volatilità è il motore dei mercati finanziari e senza di essa non vi sarebbe guadagno. Per proteggersi da tale pericolo si può ricorrere ai patterns grafici e all’analisi tecnica. Tutto ciò sempre adottando una gestione consapevole e sapiente del proprio capitale.

Conclusioni

Ethereum è dunque una vera e propria rivoluzione. La sua peculiarità è quella di poter stipulare dei contratti vincolanti in modo sicuro e questo perché essi vengono eseguiti sulla block chain, senza possibilità di interferenza dall’esterno. È perciò possibile effettuare transazioni in totale anonimato, proteggendo così la propria privacy.

Inutile dire che sia trasparente. La block chain fa si che ogni movimentazione di denaro sia pubblica e certificata.

È però molto importante ricordare che solo le piattaforme di criptovalute autorizzate e regolamentate permettono di avere una garanzia contro le truffe.

Detto ciò risulta fondamentale informarsi bene prima di realizzare qualunque tipo di strategia di investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *