Home / Bitcoin Gold: Guida completa

Bitcoin Gold: Guida completa

Bitcoin Gold è una valuta sorta in seguito al fork sul codice della criptovaluta Bitcoin originaria, con l’obiettivo di risolvere alcune delle inefficienze della parente più nota e, in particolar modo, cercare di rompere il monopolio del mining sui bitcoin, che ha oramai tagliato fuori i piccoli investitori dalla possibilità di estrarre nuovo conio.

Possiamo infatti ben ricordare come l’attività di mining sia stata una caratteristica chiave di Bitcoin fin dalla sua nascita, e che la tecnologia utilizzata per il mining sia andata rapidamente avanti, fino a rendere però l’estrazione di nuova moneta virtuale sempre più costosa. Ad oggi, per poter estrarre nuovi bitcoin occorre dotarsi di hardware piuttosto onerosi, tanto da rendere questa iniziativa piuttosto sconveniente dal punto di vista economico, considerato che il costo dell’hardware e dell’energia utilizzata non è controbilanciata dalla nuova criptpovaluta generata con il mining.

Ebbene, Bitcoin Gold (BTG) punta a risolvere questa monopolizzazione delle attività di mining da parte di aziende professionali di grandi dimensioni (che hanno oramai il controllo di tali attività), modificando l’algoritmo utilizzato per la gestione dei blocchi.

Cerchiamo dunque di saperne di più su Bitcoin Gold, partendo però dal suo parente più noto, Bitcoin. Non ci dilungheremo troppo a lungo (abbiamo dedicato un focus apposito sulla criptovaluta più famosa del mondo!) ma ci sembra comunque opportuno partire da questo livello, per approfondire poi l’oggetto della nostra odierna focalizzazione.

Cosӏ Bitcoin

Bitcoin è la criptovaluta che nel corso degli ultimi anni (e soprattutto nel 2017) ha conquistato il mondo, portando le criptovalute su un livello di notorietà, agli occhi del pubblico anche meno esperto di innovazioni finanziarie e valutarie, e cambiando parzialmente il modo in cui pensiamo al denaro. Insomma, è impossibile parlare oggi di criptovalute senza parlare dei bitcoin.

Partendo dalle basi, con prospettive inaspettate, il bitcoin è cresciuto fino a diventare una delle locomotive più interessanti del settore finanziario del nuovo millennio, tanto che sempre più trader, aziende e persino governi, stanno oggi adottando o valutando di adottare la moneta e la tecnologia blockchain dietro di essa, in modi che probabilmente nemmeno il fondatore di Bitcoin avrebbe mai potuto immaginare.

Bitcoin e Bitcoin Gold
Da Bitcoin a Bitcoin Gold

Bitcoin è di fatti stato ipotizzato per la prima volta all’interno di un lavoro realizzato da Satoshi Nakamoto, risalente al 2008.

Nel suo paper, Satoshi Nakamoto – la cui vera identità rimane sconosciuta al momento della stesura del presente approfondimento – descrive in dettaglio un sistema di decentralizzazione del settore finanziario, con l’obiettivo di restituire il potere alle persone attraverso un sistema di transazioni interamente digitale (che sarebbe poi divenuto noto con il nome di blockchain).

Nel gennaio 2009, il primo blocco è stato estratto da Satoshi per 50 bitcoin: mentre (pare) sia ancora direttamente coinvolto nello sviluppo di Bitcoin, si dice che Satoshi Nakamoto sia riuscito a estrarre circa 1 milione di bitcoin, una cifra che, solo 8 anni dopo, valeva svariati miliardi di dollari.

Per la nostra guida completa a Bitcoin, clicca su >>> Guida completa Bitcoin

Come funziona il Bitcoin?

Compiamo ora un altro passo in avanti verso il mondo di Bitcoin Gold introducendo brevemente il funzionamento di Bitcoin. Ci servirà a capire per quale motivo la community si sia divisa, fino ad arrivare a deliberare il fork.

Inoltre, prima di iniziare a utilizzare i Bitcoin Gold, è importante capire come funziona la tecnologia e il ragionamento che la riguarda. Non solamente questa breve consapevolezza ti farà risparmiare qualche mal di testa nelle prossime righe, ma ti darà altresì la possibilità di apprezzare maggiormente ciò che accade dietro le quinte.

Che cosa è la blockchain

Ebbene, la straordinaria visione di Satoshi Nakamoto per il mondo dei bitcoin è partita da un concetto molto semplice: non abbiamo bisogno di un ente centralizzato che controlla il nostro denaro (cioè la banca centrale). Per fare ciò, e ovviare la presenza di qualsiasi intermediario, i bitcoin possono essere mantenuti direttamente dalle persone che usano la criptovaluta, attraverso una sorta di registro pubblico, più comunemente noto come blockchain. Comprendere la blockchain ti aiuterà a capire i punti salienti della criptovaluta e, ulteriormente, anche il motivo per cui tutti guardano a questa tecnologia con crescente interesse.

Blockchain Bitcoin Gold
Come funziona la blockchain

Facciamo un piccolo esempio per poter capire come funziona la blockchain. Immagina tre persone: Mario, Paolo e Carlo. Spesso queste tre persone hanno la necessità di pagare dei soldi a vicenda, ma per evitare di dover effettuare un pagamento ogni volta che ne hanno bisogno, decidono di iniziare a tenere un libro mastro di denaro dovuto.

Alla fine del mese, stabiliscono chi deve loro e pagarli, con una sorta di saldo. Ad ogni modo, per evitare di doversi fidare l’un l’altro di questo libro mastro, considerato che ognuno potrebbe scrivere delle partite magari non veritiere, scelgono di portare le scritture a Lucia, una terza parte a cui è stato affidato il compito di mantenere l’integrità del libro mastro.

La stessa cosa avviene con le criptovalute. Una volta che una transazione viene aggiunta a un blocco e un blocco viene aggiunto alla blockchain, il registro diviene immutabile e non può né essere modificato né cancellato. La tenuta del registro non avviene però in mano di un istituto o di una persona che sovraintende a tutto ciò, ma è condivisa tra tutti i soggetti partecipanti, che dunque in qualsiasi momento possono verificare l’attendibilità delle scritture.

Come funziona il decentramento delle criptovalute

Ricollegandoci all’esempio di cui sopra, infatti appare evidente come il problema con il sistema di contabilità ideato da Mario, Carlo e Paolo sorga quando viene introdotta qualche frode nel sistema. Se per esempio Lucia dovesse concludere un accordo, ad esempio con Carlo, e fare una nuova transazione che mostra Mario e Paolo sono debitori di Carlo, Mario e Paolo sarebbero in una difficile situazione: o saranno costretti a pagare i soldi apparentemente dovuti, fidandosi di Lucia, oppure dovranno rifiutare del tutto l’idea del registro, andando poi a dimostrare la loro buona fede e la correttezza delle proprie rilevazioni.

Per risolvere questo problema, tutti e tre i partecipanti al nostro esperimento possono effettuare una variazione del sistema di contabilità, che dovresti già aver intuito: conservare ciascuno una copia del libro mastro. In questo modo, se qualcuno dovesse manomettere la loro copia del libro mastro, dovranno semplicemente confrontarlo con gli altri.

Questa è la seconda soluzione importante fornita dalla blockchain. Tale controllo di coerenza è infatti incorporato nella tecnologia blockchain, anche se con un po’ più di complessità rispetto a quanto sopra abbiamo evidentemente semplificato. Ogni volta che accedi alla tua copia del libro mastro, infatti, vedrai una copia di ogni singola transazione realizzata con bitcoin sin dal suo inizio e entrerai a far parte di questo processo di verifica. Una vera e propria democratizzazione del processo di verifica che è altresì il perno di Bitcoin e della blockchain.

Non è dunque un caso che proprio la blockchain stia sorgendo agli onori della cronaca finanziaria, e soprattutto sulle scrivanie delle grandi istituzioni finanziarie, quale tecnologia che potrebbe contribuire a rivoluzionare il mondo dei pagamenti, e non solo. Che si tratti però di una tecnologia che effettivamente andrà a rispondere alle tante richieste di efficientamento dei sistemi finanziari, e che possa tradursi in una sorta di nuova e gradita evoluzione del comparto, è ancora tutto da chiarire.

Quel che sembra certo è che invece di blockchain si continuerà a parlare ancora a lungo, e che il suo sistema potrebbe contribuire a generare ben più di qualche tiepida rivoluzione nel sistema finanziario internazionale.

Come si estraggono i bitcoin

I bitcoin possono essere “estratti” dalle “miniere” virtuali, creando così delle nuove valute. I “minatori”, in questo caso, non sono certo degli operai con picconi e carrelli, ma utenti di computer dotati di hardware sempre più potenti, ai quali spetta il complesso lavoro di estrazione.

In altri termini, utilizzando potenti processori denominati circuiti ASIC (Application-Specific Integrated Circuits) i miner ricevono un blocco di transazioni e risolvono una sorta di puzzle matematico computazionale, generando così la valuta. Non vogliamo scendere troppo nei dettagli tecnici (dobbiamo ancora iniziare a parlare di Bitcoin Gold!), ma tieni conto che una volta che il puzzle viene risolto, si pongono finalmente le basi affinché tutte le transazioni compiute sul blocco diventino valide e possano essere considerate come verificate agli occhi di tutti gli utenti.

Di fatti, una volta estratto, il miner che risolve il puzzle attacca il blocco alla blockchain e riceve una piccola quantità di bitcoin per il lavoro svolto. Un compenso che fino a non troppi anni fa era ottenibile in maniera abbastanza semplice, e che invece oggi è più che ostico: i miner devono infatti utilizzare gli ultimi ASIC (Application Specific Integrated Circuits) disponibili sul mercato, altrimenti il ​​costo del consumo di energia per risolvere il puzzle supererà di gran lunga i benefici.

Per approfondimenti sul mining visita: Guida al mining di Criptovaluta.it

Cos’è Bitcoin Gold?

Ora che sai che cosa sia Bitcoin e come funzionano blockchain e attività di mining, possiamo finalmente occuparci di Bitcoin Gold… e presto capirai per quale motivo la community abbia scelto di passare da Bitcoin a Bitcoin Gold.

Bitcoin Gold
Che cosa è Bitcoin Gold

Bitcoin Gold è un progetto di criptovaluta gratuito, sviluppato da volontari appassionati di Bitcoin, annunciato per la prima volta il 23 ottobre 2017 e lanciato poi il 12 novembre 2017.

Si tratta pertanto di una criptovaluta molto recente, sorta come hard fork della blockchain Bitcoin.

Come più volte abbiamo già rammentato, un hard fork determina un nuovo ramo della blockchain che contiene la stessa cronologia delle transazioni di bitcoin fino alla scissione, ma senza retrocompatibilità delle nuove operazioni sul vecchio codice.

Quali sono le differenze tra Bitcoin Gold e Bitcoin

Ma per quale motivo a un certo punto la community ha scelto di scindere il codice originario, andando a creare una nuova valuta? E quali sono le differenze tra Bitcoin Gold e Bitcoin?

In linea di massima, Bitcoin Gold è un progetto molto simile al Bitcoin: entrambi per il momento hanno lo stesso tempo di elaborazione della transazione in circa 10 minuti (ovvero, occorrono circa 10 minuti per confermare una transazione dopo che le criptovalute sono state trasferite) ed entrambi hanno una riserva massima di 21 milioni di cripto monete (cioè, non ci saranno mai più di 21 milioni di BTG in circolazione, come avviene per Bitcoin).

Tuttavia, ci sono alcune differenze molto importanti che esamineremo ora, e che hanno rappresentato una determinante piuttosto significativa per poter abbandonare Bitcoin e passare al Gold.

Un nuovo algoritmo di mining

Mentre Bitcoin usa l’algoritmo SHA-256 per estrarre nuovi blocchi e registrare le transazioni, Bitcoin Gold usa Equihash. Entrambi sono algoritmi che richiedono una “prova” del lavoro svolto, ovvero portano il miner a dover risolvere un difficile puzzle crittografico attraverso il proprio hardware, per estrarre un blocco. Tuttavia, mentre i miner dei bitcoin ottengono un netto vantaggio quando usano attrezzature costose specifiche per il settore minerario chiamate ASIC, non vi è in realtà alcun vantaggio con Bitcoin Gold.

Con Bitcoin Gold, infatti, chiunque utilizzi hardware, anche “comune”, può diventare un miner: una maggiore democratizzazione delle attività di estrazione della moneta, rispetto a quanto invece avviene con i bitcoin, le cui attività di estrazione sono oramai monopolizzate da pochi e grandi operatori, andando a contraddire il principio di “una CPU, un voto” dello stesso inventore dei bitcoin, Satoshi Nakamoto.

Come usare i Bitcoin Gold

Al momento della scrittura di questo approfondimento (fine 2017), Bitcoin Gold ha poco più di un mese di vita e in quanto tale non è ampiamente utilizzato dai trader e dagli acquirenti, come Bitcoin.

Tuttavia, se – come riteniamo – Bitcoin Gold sarà in grado di acquisire il giusto slancio, riteniamo che potrebbe venire a trovarsi in una condizione di utilizzo come quella di Bitcoin e di altre criptovalute mainstream come Litecoin ed Ethereum.

Dunque, anche se al momento non vi sono tanti operatori che accettano Bitcoin Gold come moneta di scambio, riteniamo che in futuro le cose potrebbero cambiare in meglio.

Come puoi ottenere Bitcoin Gold

Ma in che modo puoi ottenere Bitcoin Gold? Iniziamo con il ricordare che, se al momento del fork, avevi bitcoin nel tuo portafoglio, avrai ricevuto BTG ad un tasso di 1 BTC = 1 BTG. Quindi, ad esempio, se avevi 0.5 BTC al momento dell’hard fork, sarai automaticamente assegnatario di 0.5 BTG dopo il fork (mantenendo peraltro gli originari 0.5 BTC nel tuo portafoglio) una volta aperto un portafoglio BTG.

Ottenere Bitcoin Gold
Come puoi ottenere Bitcoin Gold

Chiaramente, considerato che il fork è oramai storia, non possiamo che guardare al futuro, segnalandoti come puoi ottenere Bitcoin Gold anche mediante uno scambio di criptovaluta, il cui funzionamento è simile all’acquisto di qualsiasi altra criptovaluta. Attualmente, puoi acquistare BTG da exchange come Bittrex, HitBTC, Gate.io, Changelly, Abucoins, CoinSpot, Bitfinex, Binance, Coinnest, YoBit, Bleutrade, Bitstar, OKEx.

Oltre a quanto sopra, puoi anche secegliere di investi in Bitcoin Gold. Così come tutte le altre criptovalute, infatti, anche i Bitcoin Gold potrebbero diventare oggetto dei tuoi investimenti speculativi. Tieni naturalmente conto che investire in criptovalute comporterà per te dei rischi significativi: questi asset sono infatti altamente volatili, sono vulnerabili all’hacking e alla perdita di capitale e sono sensibili alle attività secondarie.

Peraltro, potrai scegliere di investire in Bitcoin Gold in vari modi. Vediamone uno sempre più gettonato, e scopriamo perché potrebbe risultare di grande beneficio, se riuscirai a tenere a bada i grandi rischi!

Trading CFD su Bitcoin Gold

Così come avviene per qualsiasi altra criptovaluta, anche i Bitcoin Gold possono diventare asset di riferimento per i tuoi investimenti in CFD, contratti per differenza.

I CFD sono strumenti finanziari derivati, il cui valore dipende dal valore di un bene di riferimento come, nel nostro caso, una criptovaluta. Investendo suI CFD Bitcoin Gold non dovrai dunque far altro che compiere una previsione sull’andamento dei prezzi di Bitcoin Gold, condividendo con il broker la possibilità che le quotazioni crescano (posizioni long, di acquisto) o diminuiscano (posizioni short, di vendita).

L’investimento in CFD potrà essere effettuato avvalendosi anche della leve finanziaria, una sorta di “moltiplicatore” del tuo capitale, che permetterà di investire ampie cifre di denaro, con bassi requisiti di margine.

Naturalmente, un simile strumento non potrà che essere considerato altresì come un’arma a doppio taglio: se infatti è vero che i CFD in leva finanziaria su criptovalute possono permetterti di movimentare ampie cifre, vincolando bassi capitali, è anche vero che potrebbero altresì amplificare le tue perdite in maniera eccessiva.

Vuoi conoscere i migliori brokers di trading online per investire in criptovalute attraversoi CFDs ? Di seguito la tabella di comparazione con quelli consigliati dal nostro team d’esperti.

PIATTAFORME CRIPTOVALUTE CONSIGLIATE DA CRIPTOVALUTA.IT

Deposito: €200
Spreads: Bassi
Licenza: CySEC
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Commissioni: zero

Recensione eToro

APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €10
Spreads: Onesti
Licenza: CySEC
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Commissioni: zero

Recensione IQ Option
APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €100
Spreads: Onesti
Licenza: CySEC
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Commissioni: zero
Recensione Markets.com
APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.

Insomma, avvicinati a questo comparto con grande cautela, ricordandoti di investire con la giusta consapevolezza, e “allenandoti” a lungo con un conto demo di trading! Ma per quale motivo?

Conto demo trading Bitcoin Gold

L’utilizzo di un conto demo per il trading online di Bitcoin Gold è l’ideale palestra di allenamento per tutti coloro che, come te, desiderano poterne sapere di più sul modo con cui speculare con questa criptovaluta.

Aprendo un conto demo di trading online potrai infatti utilizzare tutti i servizi che il broker ti metterà a disposizione, riuscendo così a sperimentare le tue strategie speculative utilizzando il denaro virtuale che l’operatore ti garantirà.

Potrai dunque utilizzare la piattaforma di trading per aprire posizioni in CFD, long e short, usando Bitcoin Gold come asset sottostante. Potrai in tal modo valutare in prima persona come funzionano gli investimenti finanziari per differenza e quali risultati la leva finanziaria potrebbe apportare sul tuo portafoglio.

Il nostro suggerimento è quello di usare il conto demo di trading a lungo, trattenendoti all’interno di esso per tutto il tempo che riterrai opportuno, fino a padroneggiare in maniera completa le caratteristiche dei CFD sulle criptovalute e, in particolar modo, su Bitcoin Gold.

Peraltro, attento a non ritenere questo strumento come di esclusivo vantaggio dei neofiti e di chi non ha una grande esperienza alle spalle in materia di criptovalute e di investimenti finanziari derivati: l’uso di un conto demo di trading, anche contemporaneo alle sessioni di trading reale, svelerà una significativa utilità per chi, come te, vuole affinare la propria strategia di investimento e vuole pertanto metterla alla prova in condizioni di sicurezza prima di trasferirla sui mercati reali.

Come effettuare pagamenti con Bitcoin Gold

Il trasferimento di denaro con Bitcoin Gold richiede un portafoglio BTG, alcuni BTG sul tuo account e un indirizzo di destinazione. Insomma, requisiti che probabilmente già conosci se hai già effettuato dei pagamenti con altre criptovalute. I passi che dovrai seguire sono:

  • Installare un portafoglio Bitcoin Gold, ovvero un wallet compatibile con Bitcoin Gold, che ti permetterà di accedere al tuo BTG.
  • Ottenere l’indirizzo del destinatario del trasferimento di denaro. Il destinatario del tuo BTG dovrebbe essere in grado di fornirti un indirizzo di destinazione composto da lettere e numeri. Assicurati di non digitare erroneamente questo indirizzo!
  • Immettere la quantità di BTG da inviare. Inserisci nel tuo wallet il valore in BTG che desideri inviare al destinatario, assicurandoti di avere fondi sufficienti nel tuo account.
  • Inviare le monete crittografiche. Premi il pulsante “Invia” sull’applicazione del tuo wallet per inviare il BTG al destinatario. I fondi vengono trasferiti quasi immediatamente, ma potrebbero essere necessari fino a 10 minuti per essere completamente confermati.

Previsioni Bitcoin Gold

Previsioni Bitcoin Gold
Quale futuro per Bitcoin Gold?

Quali sono le prospettive per Bitcoin Gold? È questa la domanda che si fanno i tanti investitori che si stanno avvicinando a questa criptovaluta così giovane.

Ebbene, per poter rispondere a questo quesito non possiamo che iniziare a rammentare come la roadmap ufficiale indichi come gli sviluppatori mirano a continuare a spingere verso la creazione di Bitcoin Gold come criptovaluta autonoma. Il team di sviluppatori ha già anticipato che svilupperanno nuove funzionalità sulla blockchain, anche se i dettagli rimangono ancora da comprendere.

Andamento prezzo Bitcoin Gold

Si può usare lo stesso portafoglio per BTG e BTC?

Gli indirizzi dei portafogli dei Bitcoin Gold non corrispondono a quelli per Bitcoin, e quindi avrai bisogno di un nuovo indirizzo di portafoglio e di una nuova applicazione per la tua criptovaluta. Ne consegue altresì che è impossibile inviare BTC a un portafoglio BTG o viceversa.

Come si possono estrarre Bitcoin Gold

Per poter estrarre BTG tutto ciò che ti serve è un computer che esegue il software specializzato nel mining Bitcoin Gold. Non è necessario un hardware specifico per il mining, come invece avviene per i bitcoin. Una potente scheda grafica è sufficiente per iniziare a estrarre la criptovaluta.

Conviene investire in Bitcoin Gold?

Ora che hai compreso come funzionano le criptovalute come Bitcoin Gold, quali sono le sue caratteristiche e la sua breve storia, possiamo cercare di rispondere a una delle domande più frequentemente richieste sui motori di ricerca, e alla nostra redazione. Ovvero: conviene davvero investire in Bitcoin Gold, o è meglio stare alla larga da questa criptovaluta, preferendo magari altre valute virtuali più note, come Bitcoin, o a maggiore appeal di crescita, come Ripple?

Ebbene, rispondere a questa domanda non è ovviamente facile, visto e considerato che occorrerebbe sintetizzare troppi elementi determinanti. Possiamo tuttavia cercare di compiere alcune riflessioni che potrebbero rendere più consapevole la tua posizione nei confronti dell’approccio di trading su Bitcoin Gold.

Innanzitutto, prima di comprendere se convenga o meno investire in Bitcoin Gold, devi capire che cosa ti aspetti da questa valuta. La vuoi utilizzare come mezzo di riserva o come safe haven tecnologico? La vuoi usare come preda per i tuoi investimenti derivati ad alta speculazione? Oppure la vuoi utilizzare per poter diversificare il tuo portafoglio di criptovalute?

Potrai ben comprendere che a seconda delle tue esigenze, cambieranno anche i suggerimenti che possiamo darti.

Per esempio, se il tuo obiettivo è quello di usare i Bitcoin Gold come mezzo di riserva, probabilmente sarebbe opportuno puntare su criptovalute più liquide e più capitalizzate, che possano permetterti di eleggere la valuta virtuale come punto di riferimento dell’allocazione di denaro con questa particolare finalità (peraltro, ancora tutta da scoprire in relazione allo sviluppo delle criptovalute).

Se invece vuoi usare i Bitcoin Gold come asset sottostanti dei tuoi investimenti finanziari derivati, come i contratti per differenza, non possiamo che esprimere un parere positivo. L’atteggiamento speculativo che potresti assumere nei confronti di questa criptovaluta potrà infatti trovare il giusto appagamento dalla sua grande volatilità, che ti aprirà margini di profitto per qualsiasi tipo di movimento (potendo ben aprire posizioni long o short a seconda di come pensi che si evolveranno le quotazioni di questa criptovaluta).

Sicuramente più ardua è invece la previsione di quel che potrebbe accadere nel caso in cui tu desideri di allocare i Bitcoin Gold nel tuo wallet, nella speranza che le quotazioni della valuta virtuale possano continuare a crescere nel corso del lungo termine. Allo stato attuale delle cose è molto difficile cercare di prevedere che futuro potrebbe avere tale criptovaluta, considerata la sua giovane età e il fatto che i suoi creatori abbiano già anticipato il fatto che saranno presto applicate numerose innovazioni che potrebbero modificarne in buona parte il codice.

Investire in Bitcoin Gold
Conviene investire in BTG?

Qualche considerazione ci è permessa anche nel caso in cui tu desideri acquistare i Bitcoin Gold per poter diversificare il tuo patrimonio criptovalutario. In questa fattispecie, il nostro suggerimento è quello di evitare una eccessiva concentrazione nelle valute virtuali, almeno per il momento: la correlazione che esiste tra Bitcoin, Ethereum, Litecoin e altre altcoin è infatti piuttosto forte, e spesso dipendente dal traino (o dal peso) che Bitcoin può esercitare su tutto il mercato.

Dunque, non investire in troppe criptovalute convinto che così facendo riuscirai a ottenere delle ideali diversificazioni: la significativa inter correlazione delle varie valute virtuali vanificherà infatti qualsiasi sforzo in questo senso…

Differenze tra Bitcoin Gold e altre criptovalute

Bitcoin Gold non ha differenze profondissime rispetto alle altre criptovalute e, in particolar modo, rispetto a Bitcoin, da cui è nato. Le divergenze non mancano, ma è comunque il caso di segnalare che almeno per il momento i termini di rapidità, di dimensioni dei blocchi della blockchain e i margini di utilizzo, non sembrano essere così fortemente dissimili dalle altre criptovalute.

Tra i punti di divergenza più evidenti è da ribadirsi sicuramente il motivo principale che ha permesso a Bitcoin Gold di nascere e di acquisire una notevole conoscenza internazionale: la possibilità di poter essere oggetto di attività di mining in maniera più semplice rispetto a quanto invece può avvenire oggi con Bitcoin, difficilmente scalabile.

Per quanto concerne invece le altre divergenze, probabilmente per poterle apprezzare nel concreto bisognerà attendere ancora qualche mese: gli sviluppatori hanno infatti previsto delle innovazioni ritenute tangibili e significative, che probabilmente permetteranno di valorizzare al meglio il plus che Bitcoin Gold vuole portare sul mercato.

Opinioni e considerazioni finali Bitcoin Gold

Giungiamo infine a occuparci di qualche opinione e considerazione finale su Bitcoin Gold, che è il nostro protagonista dell’approfondimento odierno, che abbiamo curato nella speranza di aver contribuito a chiarire alcuni dubbi legati all’esistenza, allo sviluppo e alle caratteristiche di questa ottima criptovaluta.

A nostro giudizio, è innanzitutto troppo presto per poter valutare congruamente quali siano i vantaggi condotti da Bitcoin Gold al mondo delle valute virtuali. Ricordiamo infatti come questa criptovaluta sia sbarcata sul settore solamente sul finire del 2017 (novembre) e che la sua storia è troppo recente per poter essere apprezzata sia in termini di sviluppo delle quotazioni, sia in termini di appeal come mezzo di pagamento o di riserva.

Dunque, qualsiasi valutazione sulla sostenibilità di questa iniziativa, non potrà che essere rimandata a tempi più propizi, quando probabilmente avremo una storia maggiore su tale valuta virtuale che, tuttavia, già oggi può essere oggetto di qualche positiva elaborazione.

Riteniamo infatti sicuramente di gradimento il fatto che Bitcoin Gold sia nata con la possibilità di poter restituire un concetto di più efficiente democratizzazione alla community dei bitcoin, fortemente delusa dalla possibilità di non poter più partecipare (non nella forma, ma quanto meno alla sostanza) alle attività di mining.

Abbiamo infatti più volte ricordato sul nostro sito quando sia difficile, oggi, cercare di effettuare delle attività di estrazione di criptovaluta con Bitcoin, tanto che oramai il mining sui bitcoin è oggetto di monopolio di un ristretto gruppo di operatori.

Sicuramente, rendendo Bitcoin Gold un asset maggiormente estraibile, con il mining alla portata di tutti (o quasi), potrebbe restituire quella tanto desiderata democratizzazione alla community delle criptovalute, sebbene non sia poi così scontato che questa caratteristica possa essere mantenuta a lungo.

Alla luce di ciò, non possiamo che rimandare le valutazioni nel prossimo futuro, anticipando però l’impressione di una buona impressione iniziale sulla giovane storia di questa promettente creatura. E tu che cosa ne pensi? Hai mai acquistato Bitcoin Gold, o investito su questa criptovaluta? Quali sono i riscontri che hai ottenuto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *