Home / Strategie Trading Criptovalute

Strategie Trading Criptovalute

Oggi entriamo nel vivo della questione, ovvero studieremo tutte le strategie più interessanti e produttive per investire in criptovalute e far fruttare il proprio capitale.

Investire in criptovalute non vuol dire guadagnare automaticamente: dovrai necessariamente muoverti seguendo tattiche e strategie, sia in relazione alle tue aspettative personali, sia in relazione ai movimenti di mercato, per guadagnare quando c’è da guadagnare e per limitare le perdite quando invece il mercato tira poco.

Non preoccuparti: anche se è la prima volta che fai trading online, potrai trovare tutto quello di cui hai bisogno nella guida che abbiamo preparato per te. I conti che invece includono operazioni da svolgersi allo spo

È gratuita e ti offrirà consigli da mettere immediatamente in pratica, che partono dalla prima fase, quella della scelta della giusta criptovaluta, fino a quelle più avanzate.

La prima parte della strategia: quale criptovaluta scegliere

La prima parte della strategia deve essere necessariamente di tipo ricognitivo. Come saprai già se segui la nostra testata da un po’, sul mercato è arrivato un enorme numero di criptovalute, alcune che scimmiottano pedissequamente BitCoin, altre invece che presentano altri tipi di caratteristiche tecniche.

Se molte di queste si sono già affermate e sono correntemente scambiate sui principali snodi, altre hanno una vita più giovane e prospettive decisamente più cupe.

Dietro alcune delle criptovalute di più recente genesi, inoltre, possono nascondersi schemi non esattamente limpidi, a completo e totale vantaggio dei fondatori della criptovaluta stessa.

Un mercato che dunque non è sempre sinonimo di grandi guadagni. Serve il buon occhio dell’investitore già dalle prime fasi, ovvero nella scelta delle valute sulle quali puntare.

lista criptovalute
La scelta è oggi davvero vasta – esistono criptovalute per ogni gusto e necessità

Non esiste solo il BitCoin

Anche se BitCoin è di gran lunga la criptovaluta più popolare, sia in questo momento, sia storicamente, quella che ha garantito ritorni maggiori a chi vi ha investito e con ogni probabilità quella che sarà destinata a dominare in lungo e largo il mercato degli investimenti in cryptocurrencies.

Questo però non vuol dire necessariamente che tutti gli investimenti in criptovalute devono essere diretti verso i BitCoin, anzi.

Ci sono ottime alternative già disponibili, sia sugli exchange sia sulle piattaforme dei broker che operano anche in criptovalute. Non ci sono motivi per starne alla larga, a patto però che nella nostra strategia sia inserita un’analisi attenta di quanto hanno da proporre effettivamente, al netto dei proclami del marketing, le valute che ci interessano.

Vale anche la pena di ricordare che sarebbe il caso di accantonare i messaggi che ci arrivano dalle pubblicità online: seguono cicli e mode virali che poco hanno a che spartire con la strategia di un vero investitore che va a profitto. Documentati sì, ma fallo seguendo dati economici e finanziari reali, e non quanto ti consiglia una pubblicità su Facebook.

Non tutte le criptovalute sono ugualmente affidabili

Ci si sta giocando parecchio: blockchain e criptovaluta sono due termini che al momento tirano molto e che vengono attaccati a qualunque tipo di impresa di questo genere, quasi a delinearne la proiezione futuristica e futuribile. Le cose ovviamente non stanno sempre così, anzi.

Spesso blockchain e criptovaluta sono due termini che vengono sapientemente manipolati dal marketing e dalle pubblicità per farti abboccare a questo o a quell’amo.

Di criptovalute che hanno lasciato il tempo che hanno trovato ne potremmo contare a decine: ti basti pensare che nel momento in cui ti scriviamo procediamo con circa 10-15 nuove criptovalute al mese, tutte lanciate tramite ICO (se non sai cosa sono, avremo modo di parlarne più avanti), e tutte o quasi destinate a sparire dalla circolazione in meno di un mese.

Se è vero che al momento ci sono almeno 12 criptovalute sulle quali potrebbe avere senso puntare, è altrettanto vero che pescare nel mucchio è quanto di più pericoloso potresti fare per il tuo capitale.

I fondamentali tecnici da analizzare

Ci sono diversi fondamentali tecnici da analizzare se il tuo obiettivo è quello di scegliere una valuta di nuova generazione per i tuoi investimenti.

Il market Cap è una grandezza fondamentale

Il market cap è forse la più importante delle grandezze associate ad una criptovaluta. Non è manipolabile, perché è derivata da un calcolo molto semplice che anche agenzie indipendenti possono svolgere.

Il market non è altro che il valore ai prezzi di mercato di tutta la criptovaluta circolante; la definizione di scuola potrebbe apparire poco chiara, anche se un esempio, come spesso accade, può essere la chiave di volta per comprendere il funzionamento della cosa.

In ogni momento si può sapere quante unità di criptovaluta (ad esempio quanti BitCoin) sono in circolazione e il prezzo al quale vengono scambiate contro Euro o Dollaro. Moltiplicando la quantità di moneta circolante per il prezzo, si ha il market cap, ovvero il valore ai prezzi di mercato dell’intera criptovaluta.

Questo valore è, in modo piuttosto diretto, un indice di quanto denaro è investito in una singola valuta: più è alto, più tendenzialmente la valuta di riferimento è affidabile.

Non è un caso che BitCoin sia stabilmente in testa a questa speciale classifica praticamente dalla notte dei tempi.

market cap cryptocoins
Il Market Cap è importantissimo per scegliere criptovalute affidabili

ICO: sono davvero convenienti?

Su Facebook e su altri canali ti sarai sicuramente incontrato con le ICO, le offerte pubbliche iniziali di una nuova criptovaluta. Il meccanismo non è banale e non esattamente intuitivo per chi non ha una certa dimestichezza con il mondo delle criptovalute.

Analizzeremo dunque tutti quelli che sono i processi che portano alla creazione prima e alla commercializzazione poi di una criptovaluta, al fine di comprendere quali sono i passaggi che portano alla ICO, individuando quelli che possono essere i margini di guadagno e i tempi di intervento giusti.

La creazione di una nuova criptovaluta

Il codice che permette di far girare un intero sistema di criptovalute, dalla creazione della stessa al sistema di circolazione, è di pubblico dominio e può essere scaricato, modificato e fatto girare da chiunque, per creare la propria criptovaluta.

Per capirci chiunque, armato di una discreta conoscenza tecnica, potrebbe scaricarsi il codice di BitCoin, apportare o meno modifiche, cambiare nome e presentarsi sul mercato.

Hai capito bene: tutti possono diventare “padroni” di una nuova criptovaluta, anche se la creazione della stessa non è la parte più complicata.

Qualche nota tecnica sulla creazione della criptovaluta

La criptovaluta viene creata ricorrendo a complessi algoritmi che richiedono grande potenza di calcolo e che sono soprattutto a difficoltà crescente. Questo vuol dire che minare (questo è il gergo che indica le operazioni per la creazione di nuova moneta) all’inizio richiede poco tempo e poca potenza di calcolo e con il procedere della vicenda le cose si fanno sempre più dure.

Il pre-mining, ovvero la quantità di moneta “stampata” prima della ICO

Il grosso delle monete che esordiscono sul mercato vedono una parte della valuta circolante, tipicamente la prima, accantonata a favore dei fondatori. Si tratta di una percentuale variabile sul totale della moneta che sarà mai circolante, che può andare dallo 0,001% fino al 99% di casi molto estremi.

Più è alta la percentuale di moneta “pre-minata” ovvero prodotta prima della immissione sul mercato della criptovaluta, più alti sono i vantaggi per i fondatori (e più alti i rischi per te).

Un metodo classico di truffa a tema criptovalute riguarda proprio l’accantonamento di elevatissime percentuali di moneta prima che sia immessa sul mercato.

Successivamente i fondatori si preoccupano principalmente di vendere la moneta che hanno in possesso, realizzando grandi guadagni e dando il via ad uno schema che, in poche settimane, non può che morire.

L’importanza dei miner per una criptovaluta viva e funzionale

Come ti abbiamo detto poco prima, non basta far girare codice per avere una propria criptovaluta che funziona: c’è bisogno di tanta potenza di calcolo distribuita (potenza di calcolo che serve da un lato per creare moneta dall’altro per validare le transazioni) per avere una moneta che possa essere effettivamente utilizzata.

I miner mettono a disposizione hardware (spesso specializzato proprio per questo tipo di calcoli) per offrire l’una e l’altra attività. Non sono dei benefattori: sono attirati dagli enormi guadagni che questo tipo di attività garantisce.

Dato che mettono a disposizione della criptovaluta ingenti risorse (in termini di potenza di calcolo e di strutture hardware), i miner sono un po’ l’ago della bilancia della bontà di una criptovaluta: se si spendono, allora c’è qualcosa di sostanzioso dietro, se di miner invece non ce ne sono, meglio stare alla larga.

Le ICO potrebbero essere delle truffe

A questo punto della disamina dovresti aver compreso, almeno a grandi linee, il funzionamento della fase embrionale di una criptovaluta. Compreso ciò, dovrebbe essere altrettanto chiaro che dietro le ICO si nascondo spesso truffe, complesse e non, a totale vantaggio di chi ha messo in piedi la criptovaluta in questione.

Investire in ICO non è una strategia per investire in criptovalute, anche se qualcuno sembrerebbe essere pronto a giurare di essere diventato milionario con questo tipo di investimento.

Di mille ICO una o forse due riescono a trasformarsi in un investimento davvero redditizio: il resto serve ad ingrassare soltanto chi ha messo in piedi l’intera baracca.

Come investire in Criptovalute: scegliere il canale giusto

Hai capito a questo punto che investire in ICO non può essere la strategia preferenziale per far crescere il tuo capitale con le criptovalute. Dovrai orientarti verso altri tipi di investimento, non solo più solidi, ma anche mediamente più redditizi.

Come fare? Compra e vendi BitCoin, Ethereum, Ripple, e qualunque altro tipo di AltCoin tu ritenga degno della tua attenzione finanziaria e comincia a macinare utili.

Il primo passo, messe da parte le fantasie da milionario di chi ti propone ICO, è quello di scegliere una piattaforma per gli investimenti che sia adeguata al tuo scopo, oppure un exchange all’interno del quale operare per ottenere i guadagni che ti sei prefissato.

Hai fondamentalmente tre diversi tipi di strategie possibili davanti a te:

  1. Investire tramite gli exchange: sono siti che ti permettono di scambiare, comprare e vendere criptovalute contro euro; l’acquisto è diretto e il denaro è conservato all’interno della piattaforma, fino a quando deciderai di ritirarlo;
  2. Investire tramite piattaforme broker CFD: è una soluzione che non ti obbliga ad acquistare direttamente BitCoin e AltCoin, ma che ti fa operare su contratti che li rappresentano;
  3. Tenere BitCoin e AltCoin sotto il cuscino… virtuale, ovvero installando in loco il wallet di riferimento e gestendo compravendite per conto tuo

I vantaggi degli exchange

Partiamo dagli exchange, che per molti sono stati il primo approccio al mondo delle criptovalute. Si tratta di borse virtuali dove poter caricare denaro, aprire un proprio account, depositare il denaro e acquistare e vendere criptovalute seguendo l’andamento dei mercati.

Gli spread, ovvero la differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita, sono in genere minimi e anche piazzare ordini è relativamente facile. Puoi operare su diversi exchange, facendo però attenzione a qualche aspetto che li contraddistingue:

  1. Gli exchange sono raramente normati e comunque non seguono i rigidi standard che sono imposti alle piattaforme di broking
  2. L’esecuzione degli ordini potrebbe essere non immediata
  3. Al contrario dei grandi mercati ai quali si ha accesso tramite broker, quando scambiamo su un exchange abbiamo accesso alla domanda e all’offerta soltanto degli iscritti al medesimo exchange: stiamo per intenderci investendo in un sottomercato di un mercato, spesso di dimensioni decisamente infime

Dal lato loro gli exchange possono però garantire anche dei lati relativamente positivi, come ad esempio la bassissima differenza tra BID e ASK, ovvero tra prezzo di vendita e prezzo di acquisto (a patto che siano comunque degli exchange piuttosto trafficati), e la possibilità di investire anche soltanto 1 euro.

Non è però forse necessario sottolineare che questo tipo di canali non sono adatti a chi vuole investire seriamente con le criptovalute e che c’è molto di meglio in giro, come ad esempio l’ipotesi che andremo ad analizzare nel prossimo paragrafo, ovvero l’investimento in CFD con broker ufficiali.

I vantaggi dei CFD e delle piattaforme broker

Il secondo canale che possiamo utilizzare con profitto per investire in criptovalute è la piattaforma broker via CFD. Si negozia in questo caso non in Bitcoin o AltCoin direttamente, ma piuttosto ricorrendo a contratti standard che li rappresentano. Questo porta a diversi vantaggi per chi ha come unico obiettivo quello di investire a scopo di profitto in criptovalute:

  1. Gli ordini sono immediati
  2. I prezzi sono quelli di riferimento del mercato e non quelli praticati esclusivamente entro l’exchange che abbiamo scelto
  3. Le commissioni sono molto basse
  4. Spesso è possibile ricorrere anche a leva finanziaria, moltiplicando la portata del proprio investimento anche se si hanno a disposizione dei capitali esigui

Investire in criptovalute tramite CFD è la soluzione migliore per chi vuole occuparsi esclusivamente di investimenti e non utilizzare le criptovalute per essere pagato o per pagare.

Ci sono diversi broker che offrono la possibilità di investire in questi strumenti. Scegli quello che fa al caso tuo e comincia ad investire.

Per la guida completa al trading di criptovalute clicca: Guida trading criptovalute

Gli svantaggi di avere un wallet sul proprio computer

Il terzo canale è quello tecnicamente più difficile: possiamo installare un wallet direttamente sul nostro computer e gestire le nostre operazioni da lì. Una soluzione che però è di gran lunga la peggiore tra quelle che sono state analizzate nel corso di questa guida.

Gli svantaggi di scegliere una soluzione del genere sono evidenti:

  • Bisogna scaricare l’intera blockchain, che nel caso di BitCoin supera al momento i 40 GB
  • Se il nostro computer non è al sicuro (e ci sono ottime probabilità che sia meno al sicuro della piattaforma broker) potrebbero rubarci i coin senza colpo ferire
  • Bisogna affidarsi comunque a canali esterni per l’acquisto e la vendita dei BitCoin
  • Nel caso in cui si dovesse dimenticare la password del wallet, si perderebbe tutto il denaro

L’ipotesi, per quanto tecnicamente suggestiva possa sembrare, è da scartarsi.

Strategie pratiche per l’investimento

Se arrivi dal Forex avrai già una certa dimestichezza con gli investimenti valutari. Se invece sei alle prime esperienze, questo mondo ti apparirà come estremamente complesso e di difficile comprensione.

A prescindere da quali sono le tue esperienze pregresse, potrai sicuramente investire in criptovalute con profitto, a patto di studiare strategie pratiche per l’investimento.

Ci sono delle particolarità di questo investimento che dovrebbero essere tenute in considerazione sia da parte di chi ha già esperienza, sia da parte dei novizi:

  1. Le criptovalute, anche quelle più stabili, sono molto volatili e possono perdere o guadagnare valore molto rapidamente
  2. Nonostante questo, si prestano a strategie di investimento sia di breve che di lungo periodo
  3. Non ci sono banche centrali che possono correggere l’andamento di una criptovaluta
  4. Per molti investitori le criptovalute sono diventate bene rifugio e dunque un prodotto da scegliere anche in funzione anti-ciclica
  5. L’alto valore di una criptovaluta non è necessariamente sinonimo di solidità

Come analizzare un grafico

I grafici del valore delle criptovalute seguono le stesse identiche regole dei grafici degli altri tipi di investimento: resistenze, punti di rottura, trend, puoi applicare tutto il tuo bagaglio di conoscenza pregressa anche al mondo delle criptovalute.

Ricordati però che stai investendo in prodotti che nel migliore di casi hanno qualche anno di vita, anche se vissuto molto intensamente: preoccupati di analizzare i grafici anche sul breve, anzi, sul brevissimo.

Una buona analisi dei grafici può essere la base per un investimento di qualità, anche se non l’unico punto discriminante che dovremmo tenere in considerazione prima di preparare la nostra strategia di investimento.

Il grafico è molto più importante per chi punta a fare investimenti sul breve e brevissimo periodo.

Grafico Bitcoin
Studiare il grafico è di fondamentale importanza

Come analizzare la quantità di scambi

La blockchain è pubblica e dunque è relativamente facile avere dati sull’utilizzo della criptovaluta che abbiamo scelto per la nostra strategia di investimento. Tutti i maggiori exchange offrono servizi di questo tipo anche ai non iscritti. Sono dati che consigliamo di analizzare con costanza, tenendo conto del fatto che la quantità di scambi è direttamente collegata con la volatilità dello strumento: più salgono gli scambi, più è facile che si muova il prezzo, anche con strascichi che possono durare più giorni.

Non è detto che le valute siano sempre al rialzo

Anche se i grafici, se analizzati su un orizzonte temporale medio lungo, sembrano giocare sempre a favore delle criptovalute, dobbiamo tenere conto di altri tipi di fattori:

  1. Non è detto che le criptovalute siano sempre al rialzo (è stato il caso del BitCoin, ma non delle altre, e non è detto che questa situazione duri a lungo)
  2. Notizie macroeconomiche importanti possono modificare l’andamento di ogni criptovaluta: anche se BitCoin e compagnia sembrano essere scissi dai giochi macroeconomici e finanziari globali, finiscono per assorbire colpi e per rispondervi.

Puoi guadagnare denaro anche mentre le criptovalute scendono

Non è detto che tu debba guadagnare dalle criptovalute soltanto quanto queste stanno guadagnando denaro. Le principali piattaforme di brokering ti permettono infatti di andare a scegliere sia opzioni BUY che opzioni SELL.

Per intenderci potrai andare a guadagnare su entrambi i trend e se senti che il coin che ti interessa è al ribasso, ti basterà liquidare le tue posizioni buy e acquistare posizioni sell.

Le strategie in questione possono essere messe in pratica però soltanto ricorrendo alle piattaforme che offrono CFD: è anche per questo motivo che sono il canale principale e preferibile per investire in questo tipo di strumenti.

Metti sempre in pratica la tua strategia con un conto demo

Una volta che avrai messo a punto la tua strategia, non investire subito il tuo capitale. I migliori broker ti permettono infatti di investire tramite conto demo, con valuta virtuale, prima di passare agli investimenti veri e propri.

Scegli un conto demo sempre prima di cominciare ad investire sul serio nella tua piattaforma di riferimento e anche se hai già una discreta esperienza nel mondo degli investimenti: per quanto simili possano sembrare agli altri strumenti di investimento, le criptovalute vivono secondo regole proprie, alle quali dovrai necessariamente prendere le misure prima di cominciare ad investire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *