Home / News / La finanza francese e tedesca crede in un crack globale delle criptovalute

La finanza francese e tedesca crede in un crack globale delle criptovalute

La finanza francese e quella tedesca chiedono al G20, il gruppo della finanza mondiale composto da 20 Stati, di intervenire per impedire che un crack delle criptovalute possa portare ad un’instabilità finanziaria a livello globale creando quindi rischi elevati per gli investitori.

Il ministro francese dell’economia, Bruno Le Maire e Peter Altmaier, omologo tedesco, in accordo con Francois Villeroy De Galhau, governatore della Banca francese e Jens Weidmann, presidente della Deutsche Bundesbank, stanno sollecitando i ministri del G20 ad agire per prevenire i rischi derivanti dalla rapida crescita del mercato delle criptovalute. I capi della finanza chiedono che la questione venga discussa durante il prossimo incontro del G20 a Buenos Aires il 19 e 20 marzo prossimi.

crack criptovalute
Secondo i soggetti finanziari di Francia e Germania bisognerebbe iniziare a regolamentare le criptovalute

All’interno della lettera che i rappresentanti di Francia e Germania hanno scritto agli altri membri del G20 si rileva come “l’aumento significativo e la volatilità nella valutazione e nella capitalizzazione di mercato nell’ultimo anno di strumenti digitali emessi attraverso la tecnologia di contabilità generalizzata”.

I funzionari hanno dichiarato che il G20 potrebbe adottare appropriate “azioni armonizzate internazionali” riconoscendo le “implicazioni transfrontaliere” delle criptovalute. Di conseguenza viene riconosciuta alle criptovalute quella capacità di evoluzione rapidissima che quindi può anche trasformarsi in un probabile rischio per gli investitori.

La lettera è sostanzialmente suddivisa in quattro punti:

  1. Comprensione della natura delle criptovalute. I funzionari hanno detto che tali token sono etichettati come “valute” e che i regolatori hanno opinioni divergenti sulla natura di tali token che provocano una “mancanza di chiarezza per gli investitori” che causerà probabili speculazioni.
    Hanno chiesto una chiara distinzione tra i token e la sottostante tecnologia di registro distribuito che promette “innovazione sostenibile” cosa che la Germania e la Francia stanno perseguendo.
  2. Monitorare le esposizioni crescenti degli operatori di mercato che operano con i token in termini di integrità del mercato e stabilità finanziaria. Tali implicazioni sembrano essere limitate al momento, ma considerando la capitalizzazione in espansione delle criptovalute e dei nuovi strumenti finanziari, tali sviluppi devono essere strettamente monitorati per prevenire possibili rischi per la stabilità finanziaria. Sebbene non vi siano implicazioni nella politica monetaria, l’uso di tali strumenti come mezzo di scambio dovrebbe essere monitorato all’interno della politica monetaria. Anche l’intenzione di alcune banche centrali di emettere criptovalute deve essere ampiamente monitorata.
  3. Protezione degli investitori non professionisti e quindi di chi si approccia a questo mondo per la prima volta. Sono necessarie migliori informazioni per gli investitori che non comprendono i possibili rischi a cui si espongono.
  4. È necessario un approccio comune per il finanziamento del riciclaggio di denaro e del controterrorismo. Le criptovalute hanno un potenziale enorme per coloro che possono sfruttarle al meglio. Germania e Francia hanno adottato misure normative nel campo del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo, e l’Unione europea sta facendo altrettanto. Ma è necessario uno sforzo globale coordinato.

I funzionari vorrebbero quindi che i forum internazionali che rispondono al G20, come FSB, FATF, BIS, conducano una relazione sulle quattro sfide sollevate all’interno del G20 dello scorso luglio e propongano possibili linee guida per ulteriori azioni.

Il G20 dovrebbe inoltre valutare la possibilità di chiedere al FMI di condurre un’analisi quantitativa delle questioni di stabilità finanziaria internazionale relative ai beni criptati (criptovalute).

About Alessandro Calvo

Web editor dall'età di 16, non manca occasione di cavalcare i trend dell'innovazione. Nella vita studia Economia e, privatamente, approfondisce i meccanismi blockchain in cui crede molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *