Home / Ethereum truffa: guida su come difendersi

Ethereum truffa: guida su come difendersi

Il software di Ethereum è stato rilasciato nel 2014. Il suo successo è stato immediato, tanto che alcuni economisti hanno ipotizzato che il valore di Ether possa superare quello di Bitcoin.

Come tutte le criptovalute, anche Ethereum ha seguito la strada che ha portato Bitcoin al successo, ma cercando di apportarne delle migliorie. Ethereum è infatti una criptovaluta che per le sue caratteristiche viene utilizzata nell’ambito degli smart contracts. Essi sono contratti che si concludono in maniera automatica e che stanno trovando diverse applicazioni.

Si differenzia da Bitcoin per una maggiore velocità di esecuzione, costi di transazioni minori e un mining più facilmente eseguibile. Sono evidenti i numerosi vantaggi di questa moneta digitale, ma per investire in totale sicurezza è fondamentale conoscere i rischi a cui si può incorrere.

The Ethereum Code: truffa comprovata !

Il grande successo di Ethereum ha spinto moltissimi truffatori ad utilizzarne il nome per i loro fini. Uno degli esempi più eclatanti è dato da The Ethereum Code. Si tratta di una truffa che sfrutta il nome di Ether per convincere le persone a investire, senza ovviamente avere nulla a che fare con la famosa criptomoneta.

Coloro che hanno provato ad utilizzarlo, non solo non hanno guadagnato nulla, ma hanno anche perso tutto quello che hanno depositato. Inutile dire che la probabilità di recuperare il denaro è pressoché nulla. Il problema è che questo sistema promette profitti elevati e sicuri senza fare nulla e questo è impossibile.

Ethereum truffa
L’utilizzo del nome Ethereum ha ingannato diversi utenti, convinti di effettuare un buon investimento sulla criptovaluta.

È molto importante ricordare che solo le piattaforme autorizzate e regolamentate permettono di avere una garanzia contro le truffe. Ovviamente The Ethereum Code, non essendo legale, non può essere classificato come tale.

È stata pure sviluppata una versione italiana di tale sistema, che è una mera traduzione dei siti dedicati a The Ethereum Code. È palese che anche questa versione non rispetti le promesse fatte e che il suo unico scopo sia quello di attirare qualche sprovveduto.

È bene anche mettere in guardia dai forum, in quanto la maggior parte delle informazioni che si trovano su di essi sono false o comunque fuorvianti. La gran parte delle truffe che utilizzano gli Ethereum per rubare soldi usano proprio i forum per farsi pubblicità.

Tutto ciò non significa che Ethereum sia una truffa, ma possiamo considerarlo un incentivo ad informarsi bene, per evitare di affidare i propri soldi in mani sbagliate. Chi è interessato a operare su Ethereum farebbe molto meglio a scegliere portali indipendenti di informazione finanziaria.

Ethereum: Volatilità e sregolatezza

volatilità ethereum truffa
La volatilità è una caratteristica che accomuna tutte le criptovalute.

Le criptomonete sono altamente volatili, poiché non sono sottomesse ad alcuna autorità di emissione e di controllo. Questo significa che il loro valore può subire forti oscillazioni in virtù del volume di scambi che riescono a generare. Acquistarle come forma d’investimento può andare bene, mentre usarle come moneta di pagamento è sconsigliabile proprio a causa dell’elevata volatilità.

Questa loro peculiarità però non può essere uno dei motivi che portano ad abbandonare i mercati virtuali. La volatilità è infatti il motore dei mercati finanziari e senza di essa non vi sarebbe guadagno. Per costruire strategie con esposizione alle perdite il più possibile controllata, i traders possono ricorrere all’analisi tecnica ed ai patterns grafici. È fondamentale operare adottando una gestione sapiente e consapevole del proprio capitale. Le perdite devono essere limitate, contenute e gestite nel migliore dei modi.

Un altro punto critico è che le criptovalute sono spesso viste con diffidenza dai governi e dalle banche centrali, poiché permettono di effettuare transazioni in totale anonimato. Si sono anche diffuse voci riguardo il loro contributo ad operazioni con finalità illecite. Alcune indagini hanno però evidenziato che la maggior parte dei criminali le considerino troppo complicate da utilizzare. Inutile dire che i fuorilegge sanno rendersi anonimi a prescindere da tali monete. L’obiettivo delle criptovalute è piuttosto proteggere la privacy delle persone “normali”.

Si potrà per cui anche dire che sono prive di regole eppure è innegabile che siano trasparenti. Il sistema che sta alla base, ovvero il block chain, fa in modo che ogni movimentazione di denaro sia pubblica e certificata. Questo è sicuramente un punto di forza delle monete digitali rispetto alle tradizionali.

Ethereum: gli exchange

Gli Exchange molto spesso celano delle vere e proprie truffe e raggiri. Basti pensare che in passato molti di essi hanno chiuso all’improvviso facendo sparire tutte le criptovalute e così anche il denaro dei clienti. L’acquisto di una criptomoneta attraverso un exchange porta ad un semplice aggiornamento della block chain. Il problema si può avere in caso di passaggio di proprietà che avviene attraverso la comunicazione della propria chiave privata e della ricezione della chiave pubblica del ricevente. Questo meccanismo è detto di comunicazione crittografica a chiave pubblica/privata. Per prelevare e depositare però non viene consegnata alcuna chiave privata e ciò significa che qualora avvenisse una violazione si perderebbero tutti i soldi a propria disposizione.

Gli Exchange sono anche oggetto di attacchi da parte di hacker. Gli attacchi informatici in genere mirano direttamente ai server e non ai singoli computer. Il consiglio è per cui quello di conservare le proprie monete digitali offline, in un portafoglio fisico apposito non connesso ad Internet.

Per la guida completa ai migliori exchanges per criptovalute, clicca >>> Guida exchanges migliori

Ethereum: e se fosse una bolla?

ethreum truffa bolla
Il rischio che Ethereum sia una bolla speculativa è concreto, ma il sistema degli smart contract è utilizzato da molti utenti.

Per “bolla” si intende un’attività finanziaria che cresce eccessivamente in valore, rispetto alle sue reali potenzialità, e che è destinata a crollare con conseguenti effetti negativi. La moneta è tale quando viene detenuta come pura riserva di valore. È sufficiente infatti avere l’aspettativa che sarà accettata da altri agenti in futuro. Non si può però avere la certezza che tale processo possa continuare all’infinito. L’eccessivo rialzo è generalmente provocato dall’erronea convinzione di una crescita costante della sua quotazione. Difficile è sapere se la quotazione sia sopra o sottovalutata.

Di sicuro, una qualsiasi vera strategia di investimento implica la conoscenza del suo possibile svantaggio. In più solo perché una bolla salta fuori non significa che sia la fine. In realtà potrebbe essere meglio per la crescita a lungo termine della tecnologia. Detto questo non si può però nascondere l’enorme speculazione che sta dietro alle monete digitali.

Conclusioni

Il mondo delle criptovalute è un settore estremamente dinamico, dove la flessibilità è d’obbligo. Non esistono quindi sistemi e strategie standard. Come si fa allora ad evitare di subire truffe? Tutto sta nello scegliere lo strumento giusto.

Il modo migliore per fare trading di Ethereum senza essere truffati è scegliere i CFD. Che cosa sono i CFD? I CFD (i contratti per differenza) hanno come valore una replica esatta del prezzo della criptomoneta. Si tratta di una particolare forma di contratto finanziario che consente di operare in modo facile, sicuro e veloce su qualunque asset quotato.

Attraverso questi contratti si può scommettere al rialzo o al ribasso, avendo così un guadagno sia qualora il valore salisse e sia nel caso in cui dovesse scendere. I profitti nei CDF sono proporzionali alla differenza di prezzo tra apertura e chiusura dell’operazione e si possono moltiplicare utilizzando le leve finanziarie. La leva è uno strumento che può massimizzare le probabilità di profitto, però bisogna fare molta attenzione a non abusarne. L’inesperienza infatti può portare a rischiare molto di più di quanto ci si possa permettere.

Quando si decide di investire è di fondamentale importanza scegliere la strategia di investimento più adatta alle proprie esigenze. Si raccomanda di investire sulle piattaforme di trading regolamentate ed autorizzate per evitare possibili errori e rischi.

Detto questo risulta lampante che gestire il rischio non è impossibile, bisogna soltanto imparare a farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *