Home / Stellar: Guida completa

Stellar: Guida completa

Gli ultimi anni sono stati terreno estremamente fertile per la nascita di una nuova forma di valuta, una valuta moderna e digitale: le criptovalute.

Su quest’onda lunga sono nate famosissime criptovalute quali Bitcoin ed Ethereum; ed al loro fianco si sono sviluppate altre criptovalute, più “giovani” e a modo loro differenti. Un esempio lampante lo si può trovare in una nuovissima criptovaluta a molti sconosciuta: Stellar.

Criptovaluta: cosa significa questo termine?

Per criptovaluta si intende una valuta digitalizzata, totalmente slegata da qualsiasi sistema di controllo monetario internazionale in grado di stampare moneta (banalmente: la BCE). Questa nuova tipologia di moneta funziona tramite un meccanismo di crittografia, che permetta di rendere sicure le transazioni digitali che avvengono al suo interno.

criptovaluta stellar
Il termine criptovaluta racchiude al suo interno una serie di nozioni non sempre semplici da comprendere.

Non solo, la crittografia funge da colonna portante per la nascita ed il controllo di tutte le nuove forme di criptovaluta.

Le criptovalute vivono in un’area grigia di totale o parziale anonimità, anche se proprio per dare sicurezza al mercato stesso il sistema mantiene una qualche traccia per ogni spostamento monetario. Queste hanno, in aggiunta, il vantaggio di non rischiare sequestri e, più in generale, controlli da parte delle forze dell’ordine.

Come tutte le grandi start-up nate sul web, le criptovalute hanno visto la luce in piccoli forum (spesso incentrati su ideali politici quasi anarchici) per poi esplodere grazie all’arrivo dei grandi investitori che hanno visto nel sistema enormi possibilità di profitto. Per alcune di queste criptovalute, l’investimento ha ripagato ben al di sopra delle più rosee aspettative.

Ad oggi infatti le varie criptovalute hanno raggiunto vette di capitalizzazione altissime, superando addirittura i 50 miliardi di dollari (moneta reale con la quale si interfacciano tutte).

Proprio per questo motivo, negli ultimi anni, numerose banche di investimento hanno deciso di inserire tra i loro asset almeno le principali rappresentanti di questa categoria.

Rientra proprio in questa categoria Stellar, che come le altre numerosissime criptovalute basa le sue funzioni principali sull’espletamento di pagamenti digitali, proliferando su un sistema di wallet p2p (peer-to-peer) che si espande su una scala mondiale.

Allo stesso tempo, però, come qualsiasi altra criptovaluta necessita di creare credibilità attorno alla propria figura. Questa viene creata ponendosi dei paletti di crescita dell’offerta, diventando così allo stesso tempo simile ma diversa dal sistema della “moneta classica”.

Stellar: storia e caratteristiche della valuta

Stellar nasce nel 2014 dalla mente di Jed McCaleb (padre allo stesso tempo di eDonkey, network di origine di eMule) dall’idea di smarcarsi dai tradizionali sistemi di transazione monetaria, lenti e costosi.

La valuta utilizzata da Stellar, il Lumen (con XLM come simbolo) permette, infatti, di effettuare numerosi trasferimenti con tempi di latenza molto bassi, basse spese per l’utilizzo del servizio ed un saldo minimo di soli 20 lumens; un saldo per niente gravoso vista l’attuale valutazione di 0,21$ a lumen.

stellar storia
La storia di Stellar è recente, nonostante ciò sono già milioni gli utenti che utilizzano questa rete.

Alla sua nascita, Stellar si è dovuta subito confrontare con Ripple; del quale utilizzava inizialmente lo stesso protocollo; per smarcarsi da questa controversia agli inizi del 2015 nasce lo stellar consesus protocol (detto SCP).

Da quel momento Stellar è in continua evoluzione sia dal punto di vista strutturale, che dal punto di vista di volume e dal punto di vista della “community”.

Ne è dimostrazione il recente accordo con IBM, che ha scelto la suddetta piattaforma come tecnologia da usare per i pagamenti cross-border, permettendo così di migliorarne il funzionamento tramite un aumento dell’attuale numero di currency corridors dagli iniziali 12.

Allo stesso tempo è in continua crescita il numero totale di lumens distribuiti; attualmente superiore agli 8 miliardi. Cifra neanche lontanamente vicina ai 100 miliardi di lumens (dei quali, solo 17 sono disponibili per la distribuzione) attualmente nelle “casse” della Stellar Development Foundation.

Ad oggi la crescita di Stellar deve confrontarsi con alcuni dei colossi del mercato delle criptovalute come Bitcoin ed Ethereum.

Stellar vs Bitcoin

Quando si parla di Stellar e Bitcoin, qual è la differenza che salta subito all’occhio?

La velocità: Stellar si è imposta di supportare migliaia di transazioni al secondo, con un tempo di latenza stimato attorno ai 5/6 secondi; il che la distacca enormemente sia dai i dieci minuti di attesa di conferma, che dal limite di transazioni proprio dei Bitcoin.

Inoltre Stellar e Bitcoin non utilizzano lo stesso meccanismo; questa criptovaluta, infatti, fonda il suo funzionamento sullo stellar consensus protocol al contrario di Bitcoin che si fonda su un protocollo interamente basato sul mining.

L’SCP si basa sul concetto di sacrificio della decentralizzazione (propria dei Bitcoin) a favore della bassa latenza che, dal punto di vista dei suoi creatori dovrebbe dar maggiore sicurezza.

Si genera, però, un dubbio su questo “scontro sulla sicurezza”; è veramente più sicuro centralizzare l’intero sistema, separandolo dalla logica domanda/offerta e dal sistema di mining? Nulla al suo interno incentiva a tentare la strada del miner; ed è proprio questo a dare voce in capitolo al concorrente Bitcoin, che può così affermare che il sistema di sicurezza di Stellar sia, in realtà, inferiore al suo.

Quotazione Stellar in tempo reale, market cap e scambi ultime 24 ore

Vuoi mantenerti aggiornato sull’ultimo prezzo ( fonte coinmarketcap ) della criptovaluta stellar in dollari statunitensi ? Vuoi sapere a quanto ammontano gli scambi su Stellar nelle ultime 24 ore, così come il suo market cap ( valore di capitalizzazione) ? Di seguito un widget ti mostra tutto questo.

 

Stellar vs Ethereum

Stellar vs Ethereum
Molti utenti hanno deciso di scambiare i propri Ethereum in Stellar.

Il confronto con Ethereum è differente; poiché questo non si sviluppa sicuramente sul concetto di velocità come nel caso precedente. La differenza di velocità è infatti minima, in quanto si attesta su un ritardo di solo 10 secondi nei confronti di Stellar.

Lo scontro, quindi, torna sul concetto di sicurezza: la centralizzazione di Stellar va nuovamente a scontrarsi con l’apertura di Ethereum, che, grazie ai suoi smart contract, permette un vasto intervento dei miners.

Inoltre, la rete Ethereum è stata creata con l’intento di incentivare lo scambio di contratti tra aziende, Stellar ha invece uno scopo più semplice: creare una valuta digitale semplice e veloce da utilizzare.

La differenza di “fama” è allo stesso tempo uno svantaggio per Ethereum e lo dimostrano i vari attacchi DDos che hanno spinto la compagnia a rafforzare i suoi sistemi di sicurezza informatica negli ultimi anni.

Stellar: tipologie di wallet

wallet stellar
Come tutte le altre criptovalute, anche Stellar permette di creare il wallet in diversi modi.

L’attuale parco wallets di Stellar conta 11 possibili scelte, ripartite in tre versioni:

  • Desktop: versione utilizzabile direttamente dal proprio PC, la più utilizzata dagli utenti. Tramite questa tipologia si potranno utilizzare gli hardware wallet (come ad esempio il Ledger) e il client della piattaforma;
  • Mobile: attraverso il proprio smartphone si potrà gestire il proprio portafoglio ed inviare e ricevere pagamenti. Esempi di applicazioni installabili sono: Lobstr, Stargazer, Centaurus e Papaya;
  • Web: numerosi siti offrono il servizio di wallet per criptovalute, ad esempio Ledger, Stronghold, Stellarterm, Blackwallet, LuPoEx, Lobstr, Saza e Papaya.

Per la nostra guida completa ai migliori wallet per criptovalute, clicca su >>> Guida completa ai wallet per criptovalute

Stellar: perchè investire i propri soldi

Ciò che rende Stellar molto appetibile è la velocità di conferma delle transazioni accompagnata dalla possibilità di effettuarne un numero molto elevato.

Allo stesso tempo Stellar e i suoi lumens hanno un particolare appeal grazie ad un componente vitale della nostra vita di tutti i giorni: gli smartphone!

La presenza di wallet mobile permette infatti lo sfruttamento di questo sistema ovunque, proprio perché gli smartphone sono nelle mani di chiunque; dal professionista della finanza americano, alla famiglia del terzo mondo che attende arrivi un aiuto monetario dal parente fuggito dalle difficoltà del suo paese.

Il sistema di Stellar network ha, inoltre, un meccanismo di inflazione interno. Vi è infatti una percentuale annuale di “stampa” di nuovi lumens pari al 1%, molto ragionevole.

Essendo una criptovaluta ancora “acerba”, è possibile che il suo valore aumenti nel tempo. Se si ha intenzione di investire il proprio capitale, questo potrebbe essere il momento più adatto.

Stellar: come investire

Investire con Stellar è relativamente semplice, e altrettanto pericoloso.

I lumens non sono attualmente legati, tantomeno legiferati, da solide organizzazioni internazionali quali il Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) e restano un’arma a doppio taglio per un utente che tenta la via delle criptovalute frettolosamente, trovandosi quindi impreparato.

Per entrare nel mercato dei lumens è necessario affidarsi ai principali mercati di scambio quali Bittrex, Poloniex, Binance e vari altri.

L’acquisto può venir effettuato scambiando lumens sia con altre criptovalute (per utenti già avvezzi), che con valuta ordinaria al prezzo internazionale di 0,21$.

È allo stesso tempo vero che Stellar continuerà a portare avanti durante i prossimi 10 anni una distribuzione gratuita di Lumen tramite l’iscrizione alla piattaforma, programmi di partnership e previo possesso di Bitcoin (distribuzione attualmente esaurita), ma raggiunta la soglia di 100 miliardi questa forma di acquisizione terminerà e sarà possibile entrare in possesso di lumens solo tramite acquisto.

Comprare Stellar sugli exchanges o fare trading di CFD?

Con la sigla CFD si intende “contratti per differenza”. Questi strumenti vengono solitamente messi a disposizione dai broker per poter negoziare svariati asset.

I vantaggi dell’utilizzo dei CFD sono innumerevoli: possibilità di negoziare con cifre irrisorie, utilizzo della leva finanziaria per aumentare il proprio potere d’acquisto e possibilità di usare gli strumenti di salvaguardia del capitale (Take Profit e Stop Loss).

Ha quindi senso preferire Stellar ad uno strumento finanziario più solido quali sono i CFD?

Dipende da quale sia l’obiettivo dell’utente; poiché attualmente Stellar ha una funzione totalmente differente.

Di seguito la tabella dei migliori brokers online consigliati da criptovaluta.it per fare trading sulle criptovalute attraverso i CFDs.

PIATTAFORME CRIPTOVALUTE CONSIGLIATE DA CRIPTOVALUTA.IT

Deposito: €200
Spreads: Bassi
Licenza: CySEC
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Commissioni: zero

Recensione eToro

APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €10
Spreads: Onesti
Licenza: CySEC
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Commissioni: zero

Recensione IQ Option
APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €100
Spreads: Onesti
Licenza: CySEC
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Commissioni: zero
Recensione Markets.com
APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.

Abbiamo confrontato Stellar con Bitcoin ed Ethereum proprio per questo motivo; la crescita esponenziale che queste due criptovalute hanno vissuto negli ultimi anni li rende dei validi concorrenti allo stumento dei CFD.

Per approfondimenti visita: Guida trading online di criptovalute in CFDs

Conclusioni

È Stellar quindi pronto per “giocare con i grandi”?

Probabilmente no, o meglio, non ancora. Sicuramente, però, si tratta di una criptovaluta relativamente giovane che col passare del tempo potrà facilmente smarcarsi dalle sue altrettanto giovani concorrenti.

Ad oggi, Stellar vive sulle piccole movimentazioni di valute sul piano internazionale, e proprio per questo motivo sembra, paradossalmente, più un concorrente di società di trasferimento di denaro come Moneygram o Western Union.

Si tratta ovviamente di un’esagerazione atta a mostrare la flebilità di queste criptovalute in crescita; non ancora pronte per il mare aperto, ma allo stesso tempo, non confinabili in stagni ai quali non appartengono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *